More

    HomeNotizieCronacaVandalizzata nella notte la Camera del Lavoro di Cerignola

    Vandalizzata nella notte la Camera del Lavoro di Cerignola

    Il fatto alla vigilia delle celebrazioni per il 65esimo anniversario della scomparsa di Di Vittorio con la presenza del segretario nazionale Cgil, Maurizio Landini

    Pubblicato il

    (ANSA) – CERIGNOLA, 02 NOV – E’ stata vandalizzata la sede della Camera del Lavoro di Cerignola, nel Foggiano, il giorno prima delle celebrazioni per il 65esimo anniversario della scomparsa del sindacalista Giuseppe Di Vittorio a cui la sede è dedicata. Domani è in programma la visita nella sede del segretario generale della Cgil, Maurizio Landini. I vandali sono entrati nella Camera del Lavoro la scorsa notte ed hanno divelto una porta, una finestra e un apparecchio elettronico. La polizia ha in corso indagini.

    “Colpire una Camera del Lavoro, anche solo per rubare o per vandalizzare, ha comunque un valore politico e sociale. Significa – spiegano i segretari generali della Cgil Puglia, Pino Gesmundo, e della Cgil Foggia, Maurizio Carmeno – colpire tutti i lavoratori, i pensionati, perché quella è la loro casa. Assume un messaggio sinistro il fatto che questo avvenga alla vigilia di una grande manifestazione come quella che terremo domani a Cerignola, con la presenza del segretario generale Maurizio Landini, per ricordare Giuseppe Di Vittorio nel 65esimo della sua scomparsa”. “Soprattutto in territori difficili come questo, dove forte è il disagio sociale legato alla mancanza di occupazione, dove invasiva è la presenza della criminalità organizzata, le Camere del Lavoro rappresentano presìdi di legalità, a fronte di una diffusa illegalità che non risparmia il mondo del lavoro”, concludono Gesmundo e Carmeno. (ANSA).

    SOLIDARIETA’ E VICINANZA DELLA UIL FOGGIA

    “Un getto inqualificabile, figlio di una sottocultura di illegalità preoccupante”. Si aprono così le dichiarazioni di Luca Maggio, Coordinatore UIL PUGLIA, sede di Foggia, in merito ai recenti fatti di cronaca che hanno visto la Camera Sindacale di Cerignola della CGIL vandalizzata nella notte del 1 novembre. “È molto inquietante che questo avvenga a poche ore dalle celebrazioni del 65esimo anniversario dalla morte di Giuseppe Di Vittorio con la presenza del Segretario nazionale Maurizio Landini”, aggiunge Maggio che conclude: “A Maurizio Carmeno e tutti i compagni della CGIL di Capitanata la nostra più sincera solidarietà e la condanna senza appello di un gesto esecrabile”.

    IL COMUNICATO DELL’UILA PUGLIA

    “Come UILA di Puglia condanniamo con forza la vandalizzazione della Camera del Lavoro della CGIL di Cerignola, perpetrata nel paese di nascita di Giuseppe Di Vittorio, proprio alla vigilia del 65esimo anno dalla sua morte che ricorre il 3 novembre. In un territorio dove forte è ancora la presenza di fenomeni criminosi che opprimono l’economia e il lavoro agricolo, dobbiamo far sentire la nostra voce, ribadendo la ferma volontà di non indietreggiare. Come UILA esprimiamo vicinanza e solidarietà agli amici della CGIL, sentendoci vicini in questa battaglia per la legalità. Come Di Vittorio ci battiamo e ci batteremo uniti nel rappresentare le istanze dei braccianti, di coloro i quali campano a giornata, di coloro che lavorano senza una certezza per il futuro, di coloro che vivono sulla loro pelle le conseguenze delle calamità naturali o di una batteriosi che sta dilaniando i nostri territori. Ricorderemo Di Vittorio con il nostro atteggiamento, oltre che con le parole: non saremo mai remissivi, mai domi, laddove vedremo violenze e barbarie che tentano di soverchiare i diritti, la legalità ed una idea di futuro ancorata al riscatto di una terra che mai sarà soggiogata alla mafia ed alle sue esternazioni”.
     
    PIETRO BUONGIORNOSegretario Generale Uila Puglia