More

    HomeSportCalcioL'Audace Cerignola rende visita al rullo compressore Catanzaro

    L’Audace Cerignola rende visita al rullo compressore Catanzaro

    I gialloblu di Pazienza vogliono ripetere la prestazione dell'andata al cospetto della capolista

    Pubblicato il

    Appuntamento di cartello, nella 23^ giornata del girone C di serie C per l‘Audace Cerignola, che domani renderà visita alla capolista Catanzaro. I ragazzi di Michele Pazienza domenica scorsa hanno superato la Fidelis Andria, ottenendo il quarto risultato utile di fila e, soprattutto, l’ascesa al quarto gradino della classifica. Non smette di stupire il gruppo gialloblu, il cui cammino è senza dubbio frutto di volontà, capacità e assolutamente non frutto del caso. Il Cerignola si sta meritando l’appellativo di matricola terribile del raggruppamento attraverso una coesione e uno spirito di squadra non comuni, avendo fin da subito aggirato le insidie dovute al primo campionato professionistico della sua storia. L’obiettivo stagionale della salvezza è pressoché raggiunto e con largo anticipo, ma fra gli ofantini il comandamento principale è non abbassare la guardia, perché da ora in poi tutto quello che si otterrà sarà tutto guadagnato e accrescerà il valore di questa stagione. A tal proposito, l’Audace nella gara d’andata fece correre seri rischi alla battistrada del torneo, forse nell’unica volta in cui ha sofferto davvero, riuscendo a strappare un pareggio a recupero inoltrato. Un girone più tardi, le certezze cerignolane si sono sviluppate e fortificate, per cui Tascone e compagni proveranno senz’altro a giocarsi le proprie carte anche a mente libera, forti dell’ottima classifica detenuta.

    Il tecnico delle ‘cicogne’ ritroverà Achik dopo la squalifica e, molto probabilmente, il fantasista tornerà titolare pur se il D’Ausilio delle ultime uscite ha convinto pienamente. Per il resto non dovrebbero esserci mutamenti radicali nell’undici di partenza. Ingaggiato in avanti Samele, il mercato di riparazione proseguirà con l’innesto di un altro giovane, il terzino sinistro Righetti, in arrivo dal Perugia sempre con la formula del prestito.

    I numeri racchiudono la marcia da rullo compressore del Catanzaro, capace di totalizzare ben 60 punti (diciannove successi e appena tre pareggi) e vantando i primati di miglior attacco (58 gol segnati) e difesa meno perforata (solo otto reti al passivo). I calabresi sono l’unica squadra imbattuta nei tornei professionistici in Europa e solo il Crotone sta tenendo il passo, restando a -6. Il team di Vivarini è reduce da quattro affermazioni consecutive, ma nelle ultime tre ha scoperto anche il piacere di portare a casa il bottino pieno di strettissima misura (contro Picerno, Taranto e Latina). La profondità e l’assoluta caratura dell’organico giallorosso ovviamente non ha prodotto movimenti nella finestra di riparazione, il Catanzaro viaggia da macchina perfetta con il suo collaudatissimo 3-5-2. Iemmello (13 centri) e Biasci (11) sul podio dei cannonieri, altro dato impressionante il filotto fra le mura amiche, con undici successi in altrettante esibizioni. Statistiche che lascerebbero ben poco spazio ai pronostici, tuttavia il Cerignola proverà a ripetere la prova del 18 settembre scorso.

    Unico precedente in terra calabrese ancora in serie C, stagione 1935/36: il match terminò 2-0 il 20 ottobre 1935. Calcio d’inizio allo stadio “Nicola Ceravolo” alle ore 14.30, con la direzione arbitrale affidata al sig. Petrella, della sezione di Viterbo.