More

    HomeEvidenza«Nessuna riduzione della Tari, l'Amministrazione non può prendere in giro la città...

    «Nessuna riduzione della Tari, l’Amministrazione non può prendere in giro la città di Cerignola»

    La nota dei consiglieri Sgarro, Lombardi e Moccia: «Si è solo allargata la platea delle agevolazioni per condizioni economiche disagiate, proposta da noi avanzata lo scorso anno»

    Pubblicato il

    Pubblichiamo di seguito e integralmente, un comunicato stampa a firma dei consiglieri comunali di Noi-Comunità in movimento (Tommaso Sgarro, Luca Lombardi e Marcello Moccia), nel quale si smentisce quanto affermato dall’Amministrazione comunale riguardo ad una riduzione della Tari, in relazione all’approvazione della tariffa verificatasi nell’ultimo Consiglio comunale.

    Prendere in giro la cittadinanza non è accettabile. Il Sindaco Bonito annuncia una riduzione della TARI per il 2023, che non ci sarà. Il gettito TARI del 2023 è aumentato rispetto a quello del 2022. Il servizio di igiene urbana del 2022 ci è costato 13.318.423 €, quello di quest’anno ci costerà 13.462.850 €, esattamente 144.427 € in più rispetto allo scorso anno. La TARI non sarà abbassata di un solo euro, si è solo allargata la platea di coloro che, per condizioni economiche disagiate, potranno usufruire di alcune agevolazioni. In pratica, con un anno di ritardo, è stato adottato ciò che avevamo già proposto, quando denunciammo che il tetto ISEE di 2.000 euro avrebbe riguardato una platea assolutamente ristretta non comprendendo molte fasce sociali altrettanto svantaggiate. Un anno fa volarono parole poco composte nei nostri confronti, oggi lo spacciano come un successo e fanno a gara per intestarselo. Fanno il gioco delle tre carte con una città alla quale era stato chiesto di fare bene la raccolta differenziata, promettendo che la TARI sarebbe diminuita. La maggioranza della cittadinanza ha assolto l’impegno ma dell’amministrazione non si può dire lo stesso. La città è sempre più sporca, la Tari resta sempre la più alta, i nostri impianti sempre più fermi, i lavoratori TEKRA sempre più maltrattati. Ma loro, in pompa magna, prendono in giro la città dicendo che stanno risolvendo i problemi. È passato un anno e mezzo dal loro insediamento, abbiamo dato il tempo per cambiare rotta ma l’andazzo è sempre quello. Una cittadinanza schiava dell’incompetenza e dell’ingordigia di pochi personaggi. Quando arriveranno gli avvisi di pagamento della Tari 2023, la città scoprirà di essere stata presa in giro. Amministrazione e maggioranza stanno alzando sempre di più l’asticella del populismo. Tenete bene a mente queste parole, tempo qualche settimana e il bluff sarà chiaro a tutti.

    1 COMMENT

    1. Davvero siete la classe dirigente più scarsa di sempre voi con le vostre bugie e i disagi familiari che vi frustrano siete capaci di sparare cazzate da quella bocca ancor più peggio dei drogati che non ammetto di essere drogati…
      Ma il vero fattaccio è che vi fate vanto di essere stati grandi e con quella scia pensate di cavalcare un cavallo che ormai non è quello di una volta…anzi io direi che non è più un cavallo…
      Presto calerà il sipario anche su di voi e Cerignola avrà una nuova vita con Tommaso Sgarro

    Comments are closed.

    Ultimora