More

    HomeNotizieCronacaSpaccio di droga in due circoli ricreativi di Orta Nova, cinque arresti...

    Spaccio di droga in due circoli ricreativi di Orta Nova, cinque arresti della GdF

    I finanzieri di Foggia hanno operato i fermi fra il capoluogo dauno, la cittadina dei Reali Siti, Cerignola e Melfi

    Pubblicato il

    Cinque persone ritenute responsabili di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti sono state tratte in arresto dai finanzieri del Gruppo di Foggia, tra il capoluogo dauno, Orta Nova, Cerignola e Melfi. Altri 5 indagati sono stati sottoposti ad obbligo di firma. Le indagini, dirette dalla Procura della Repubblica di Foggia, hanno preso avvio dal controllo di un circolo ricreativo e di una sala biliardo di Orta Nova frequentati da persone con precedenti in materia di droga. Le attività di osservazione svolte dai finanzieri hanno permesso di confermare che i due locali erano utilizzati come “piazze di spaccio”. Durante le indagini sono stati individuati alcuni corrieri addetti al trasporto delle sostanze stupefacenti tra Puglia e Basilicata, arrestando 5 persone e sequestrando 1 kg. di cocaina ed oltre 1,1 kg. di marijuana ed hashish. Inoltre, sono state documentate numerose cessioni di sostanze stupefacenti e raccolti elementi indiziari circa i gestori ed i fornitori delle “piazze di spaccio”, nei cui confronti il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Foggia ha emesso i provvedimenti cautelari.

    Nelle prime ore del mattino oltre 70 finanzieri hanno eseguito le misure restrittive e 10 perquisizioni, con l’ausilio di unità cinofile, dei baschi verdi e di un elicottero della Sezione Aerea di Bari che ha sorvegliato dall’alto le operazioni. Singolari le modalità di comunicazione tra gli indagati principali che, nel timore di intercettazioni telefoniche, utilizzavano “pizzini” per comunicare tra loro gli importi da pagare, i debiti da saldare ed il tipo e la quantità di droga da consegnare. Va precisato che la posizione delle persone arrestate e di tutti gli indagati è al vaglio dell’Autorità Giudiziaria e che le stesse non possono essere considerate colpevoli sino ad eventuale pronunzia di una sentenza definitiva di condanna.