More

    HomeEvidenzaGiannatempo su ex Albergo Moderno: "sono contento dell’accordo raggiunto in Commissione"

    Giannatempo su ex Albergo Moderno: “sono contento dell’accordo raggiunto in Commissione”

    Pubblicato il

    Si è riunita ieri sera la Commissione Urbanistica per trattare l’argomento dell’abbattimento dell’ex Albergo Moderno. La riunione, convocata dal presidente Rocco Dalessandro, vedeva la presenza dei consiglieri Pasquale Mennuni, Mario Distefano, Michele Allamprese (in sostituzione di Paolo Vitullo) e Franco Metta. Alla riunione erano presenti anche gli assessori all’Urbanistica e ai Lavori Pubblici, Francesco Decosmo e Savino Santoro, nonchè i dirigenti Costantino Amato e Clorindo Izzillo. I due dirigenti e gli assessori hanno illustrato alla commissione l’iter che ha condotto all’abbattimento dell’immobile. In particolare Amato ha spiegato di aver imposto con diverse ordinanze – l’ultima nello scorso luglio – alla proprietà dell’immobile la messa in sicurezza dello stesso e, solo con l’ultima, in seguito a una serie di perizie giurate, la demolizione del sito. Izzillo ha aggiunto che la demolizione anticipa gli effetti del progetto PIRP, presentato dalla Amministrazione Valentino – il cui finanziamento è stato ottenuto con l’Amministrazione Giannatempo – votato all’unanimità nel 2007 dal Consiglio Comunale, quindi anche da Salvatore Tatarella che ne faceva parte, e nel 2010 ancora dal Consiglio.

    Il progetto prevedeva appunto la demolizione dell’immobile e la successiva costruzione di un altro stabile, avente pari volumetria, con locali commerciali a piano terra e alloggi per giovani coppie e anziani ai piani superiori. Nel corso dei lavori, inoltre, è emerso che il proprietario di un immobile adiacente all’ex Albergo Moderno, difeso peraltro dall’avv. Franco Metta, ha ottenuto un provvedimento d’urgenza dal Tribunale di Cerignola, che imponeva la demolizione dell’immobile alla ditta proprietaria per motivi di incolumità e pericolo di crollo. La commissione, preso atto di quanto riferito da Amato circa la regolarità delle procedure seguite, ha quindi invitato lo stesso dirigente a vigilare affinchè nella fase di rimozione delle macerie si tuteli l’eventuale patrimonio archeologico esistente nel sottosuolo. La commissione ha inoltre recepito l’istanza dell’Amministrazione Comunale, che intende esaminare insieme alla Regione Puglia e alla proprietà la possibilità di recuperare l’area, mediante la realizzazione di uno spazio di pubblica fruibilità da determinare con apposito concorso di idee tra professionisti locali, consentendo al privato di costruire un nuovo stabile in un’altra zona della città.

    “Sono contento dell’accordo raggiunto in Commissione – è il commento del Sindaco Antonio Giannatempo -. Spero adesso che si spengano le polemiche accese inutilmente anche da chi ha sempre sognato l’abbattimento di quello stabile fatiscente per dare maggior valore al Borgo Antico. Si dovrà aprire ora una fase di confronto con le associazioni degli architetti ed ingegneri, con le associazioni culturali, e con tutti coloro che vorranno dare il loro apporto in termini di idee per creare una struttura che valorizzi ancor di più la preziosità del borgo, dove sono racchiuse le nostre radici e la nostra storia. Chi finora ha alzato la polemica è invitato in primis, se ama davvero questa città, a offrire il suo apporto. Ancora una volta alle polemiche rispondo con l’apertura alla più ampia collaborazione”.