More

    HomeEvidenzaL'Udas volley ad un passo dalla serie C: le attese e le...

    L’Udas volley ad un passo dalla serie C: le attese e le speranze dell’ambiente biancazzurro

    Pubblicato il

    A poche ore dall’inizio del primo “match winner” della stagione, la pallavolo udassina vive momenti di tensione, positiva, in attesa di sapere cosa ne sarà del proprio destino. Infatti, domenica 5 maggio alle ore 18,30 presso il Palazzetto dello Sport “amico”, la formazione guidata da Roberto Ferraro affronterà il Copertino. In caso di vittoria e di conquista dei tre punti e, contemporaneamente in quel di Bari, il Monopoli non riuscisse a fare bottino pieno contro l’Asem, l’Udas sarebbe matematicamente promossa in serie C con due giornate di anticipo: fatto storico per la città, un bis per l’Udas che già diversi anni fa assaporò il gusto della promozione in una categoria prestigiosa come la C (gli unici pallavolisti cerignolani a conquistare sul campo una promozione dalla D alla C). Oggi molto è cambiato nel panorama sportivo cerignolano e non solo. In quest’era di fame sportiva, tutte le compagini semi dilettantistiche spendono fior di soldi per allestire rose di giocatori o giocatrici per regalare soddisfazioni ai tanti cerignolani appassionati di sport. L’impresa vera è proprio questa: i bianco-azzurri cerignolani sostengono un campionato di serie D con pochissime risorse a favore, arduo compito che il team dirigenziale coordinato dal Direttore Tecnico Michele Valentino, coadiuvato da Matteo Russo, Claudio Errico e Pierluigi Lapollo è riuscito a trasformare in realtà. Lo staff, in collaborazione con il tecnico Roberto Ferraro, ha saputo affrontare questa stagione a testa alta e ringrazia sin da ora tutti gli imprenditori, pochi, seri e inizialmente scettici, che intravedono un successo frutto della programmazione e delle progettualità.

    Ma torniamo alla gara: la rosa ofantina si è allenata nel migliore dei modi per arrivare pronta alla sfida contro il Copertino, squadra sconfitta nella fase di andata di questo speciale girone play off (0 a 3 due mesi fa). Il Dirigente Matteo Russo, a poche ore dalla delicata gara ha dichiarato: “Sono certo che i nostri ragazzi non si lasceranno sfuggire l’occasione per regalare ai tanti tifosi cerignolani una soddisfazione incredibile e spero che la città si unisca in un abbraccio caloroso già domenica pomeriggio. Non capisco il perché questa squadra sia stata messa in ombra dagli operatori dello sport locale ma ora possiamo dimostrare a tutti il nostro valore – prosegue Russo – la squadra è pronta e l’ho vista carica in settimana, mi auguro di vedere un palazzetto vestito di bianco-azzurro e pronto a spingere la squadra verso questa vittoria. Colgo l’occasione per invitare le autorità istituzionali, almeno una volta, a tifare per questa squadra, l’unica rappresentativa cerignolana nel panorama della pallavolo maschile pugliese”. Un’occasione per dimostrare ancora una volta che Cerignola ha dei lati positivi importanti, la pallavolo, uno strumento per dare un’immagine pulita della città. Intanto, la Dirigenza udassina, che ha seguito da vicino l’emozione del PalaPoli lo scorso primo maggio, volge i propri complimenti alla compagine bianco-rossa molfettese che si è meritata la ribalta nazionale, vincendo i play off di volley maschile (A2) e che l’anno prossimo, insieme al Castellana Grotte, rappresenterà la Puglia nel massimo campionato italiano di pallavolo maschile (A1).

    Comunicato stampa Asd Udas

    9 COMMENTS

    1. Sig. Matteo Russo, non perda tempo ad invitare le autorità istituzionali a tifare per questa squadra, ormai è risaputo che i nostri amministratori, a cominciare dal sindaco e a finire al fantoccio dell’assessore allo sport, vanno dove c’è da “attingere” consensi (veggasi audace per il sindaco e olimpica-basket per quell’ignorante e ridicolo assessore allo sport geom. Rosario Spione). Non si faccia ammaliare da questa gentaglia che ci amministra, la storia purtroppo insegna che buona parte della politica locale, soprattutto in quest’ultimo periodo, è inefficiente ed asservita all’amico o amico dell’amico, quindi non infanghi la splendida impresa sportiva della sua società e della sua squadra con la presenza di amministratori locali che non meritano di rappresentarci e che, se verranno (ne dubito…), lo faranno solo per salire sul carro dei vincitori appropriandosi di meriti non loro. Complimenti per il risultato sportivo e un grande in bocca al lupo per l’imminente gara di playoff.

    2. ma quanda chiacchr….siamo belli siamo forti siamo gli unici oooooooo ma cheddddiiii….siamo stati messi in ombra…ma da chiiiiii….ka que e serie d d pallavvool…cioe la categoria di ingresso…..cioe…nint….e poi aveit speis i miliun c la pallacanestr….e nu po poc poc a vou…o trasut…po a legg i dirigenti…dirigenti…se ghenghin la vocc…dirigenti della prima categoria della pallavvolo locale….azz…ma dvrtitv e non parlt kum si fuss moggi o moratti…dirigenti…mo mo…o yucccccccllllll!!!!!!

    3. Compagini semidilettantisticge che spendono fior di soldi…ma voii non siete quelli chehanno spesi centomila euro per fare un semplice campionato regionale? Che fate vi criticate da soli?

      • INFATT, ADDO SANNA VEST ME TANTA STRANIR !!! SKETT A CRGNOL STANN I FESS KA PAGHN TANTA SOLD K STI MANGIAPON A TRADMINT D DO CAZZ SO LLOR !! MADONN D RPALT VED TOU KE A FE’ KA QUE’ NON S CAPESC KIU’ NINT !!!!

    4. La castellano spende 100 mila euro, l’olimpica 80, lapige 70 e l’udas volley niente? evidentemente non c’era nessuno che voleva essere fatturato qualche decina di migliaia di euro…ah dimenticavo, l’udas volley ha dichiarato che non ha speso un euro. se fosse vero sono dei grandi.

    5. i ragazzi del volley sono forti, di più degli altri sport. sono pure boni. quelli del basket no. io tifo per quelli dell’udas perchè sono umili e si vede ogni volta che giocano. gli altri si tirano la calzetta

    6. basket4ever!!! la pallavolo fa cagare. certo che si spendono i soldi ma vediamo sierra, susbielles e jolicouer e rubbera…. la lapige spende i soldi e non da spettacolo. quelli della pallavolo dell’udas invece non serve a niente, ma non spende soldi. quindi tutto perfetto. russo lavori per portare avanti lo sport di cerignola. abbiamo bisogno di gente come te. forza tutti

    7. I commenti precedenti fanno capire la mentalità che a Cerignola non farà mai crescere nulla. In qualsiasi ambiente. Gente inutile dotata di un buco per far fuoriuscire aria inquinata.

      Andate avanti tutti, Udas – Olimpica – Lapige. La vera Cerignola è in voi e non in questo marciume che poc’anzi si è espresso come nelle peggiori realtà degradate.

    Comments are closed.

    Ultimora

    “Preferisco le stelle”, Tommy Dibari si racconta a Cerignola

    Continua il fitto cartellone di appuntamenti dello scrittore e psicologo barlettano Tommy Dibari che...

    Parte l’iniziativa “Game in Capitanata”, un mare di giochi e sport

    La Provincia di Foggia è lieta di annunciare il lancio del progetto "Game In...

    Concorso “Umberto Giordano”, terzo posto nella sezione cori per la “Marconi” di Cerignola

    Un'altra scuola cerignolana ha ottenuto un prestigioso riconoscimento alla XVI edizione del concorso musicale...

    Cerignola, sequestrati fitofarmaci illegali per un valore di 220mila euro

    Una rilevante attività finalizzata alla vendita di fitofarmaci illegali è stata scoperta a Cerignola...

    Domani pomeriggio in Duomo a Cerignola i funerali dell’ing. Ambrogio Giordano

    Lutto per il Polo di Ricerca e Studi Universitari ERSAF di Cerignola, a causa...

    Giornata della Legalità, il programma delle celebrazioni a Cerignola

    La Città di Cerignola, in collaborazione con la Curia Vescovile, Confindustria Foggia e Neverland...

    Altro su lanotiziaweb.it

    “Preferisco le stelle”, Tommy Dibari si racconta a Cerignola

    Continua il fitto cartellone di appuntamenti dello scrittore e psicologo barlettano Tommy Dibari che...

    Parte l’iniziativa “Game in Capitanata”, un mare di giochi e sport

    La Provincia di Foggia è lieta di annunciare il lancio del progetto "Game In...

    Concorso “Umberto Giordano”, terzo posto nella sezione cori per la “Marconi” di Cerignola

    Un'altra scuola cerignolana ha ottenuto un prestigioso riconoscimento alla XVI edizione del concorso musicale...