More

    HomeEvidenzaNapolitano dà l'incarico a Bersani

    Napolitano dà l’incarico a Bersani

    Pubblicato il

    Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, è stato oggi al Quirinale per un colloquio con il Capo dello Stato, da cui ha ricevuto l’incarico per formare il nuovo governo.

    L’incarico «Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha ricevuto questo pomeriggio al Palazzo del Quirinale l’onorevole Pier Luigi Bersani al quale ha conferito l’incarico di verificare l’esistenza di un sostegno parlamentare certo, che consenta la formazione del governo. Il capo dello Stato ha invitato l’onorevole Bersani a riferire appena possibile». Questo è il testo letto dal segretario generale della Presidenza della Repubblica, Donato Marra, con il quale il presidente Napolitano ha conferito l’incarico a Bersani. «Bersani è obiettivamente in condizioni più favorevoli per ricercare una soluzione al problema del governo», ha detto Napolitano. «Si apre oggi una fase decisiva per dare all’Italia un nuovo governo sulla base dei risultati elettorali: l’incarico a Bersani costituisce il primo passo del cammino che dovrà condurci al più presto al raggiungimento dell’obiettivo», ha sottolineato il presidente della Repubblica. All’Italia serve «un governo operante nella pienezza dei suoi poteri per «assicurare vitalità e fecondità del nuovo Parlamento», ha detto ancora Napolitano. Solo così, ha spiegato il capo dello Stato, «possiamo contribuire anche al consolidamento delle istituzioni europee in un momento così difficile e decisivo per il futuro». «Occorrerà – per salvaguardare la posizione dell’Italia e per rafforzarne la capacità di spinta innovativa nel concerto europeo – un forte spirito di coesione nazionale» che vada «al di là di quelle che potranno essere normali dialettiche maggioranza di governo/opposizione», ha proseguito Napolitano.

    «Le difficoltà a procedere verso la grande coalizione», così come richiesto dal centrodestra, «sono apparse rilevanti, a causa di profonde e antiche divisioni riesplose con la rottura del novembre 2012», ha affermato Napolitano. Nonostante l’impossibilità di percorrere – vista la litigiosità tra gli schieramenti politici – la strada delle larghe intese, il capo dello Stato ha comunque auspicato un «forte spirito di coesione nazionale al di là della normale dialettica politica» per affrontare questa fase delicata per il Paese. «Reagisco a certe affermazioni infondatamente polemiche» su «presunte lentezze italiane», ha poi affermato Napolitano che ha sottolineato come si proceda con «ponderatezza» e con «equilibrio» e nei tempi regolari considerando che per formare il nuovo governo Israele ci ha messo ad esempio 55 giorni. Con l’occasione il presidente della Repubblica ha ricordato che non è trascorso ancora un mese dal voto e che da una settimana si sono insediate le Camere e si è «complimentato» per l’elezione ieri, degli uffici di presidenza di Camera e Senato.

    Bersani: governo per cambiamento «Cercherò di corrispondere l’incarico nel solco delle parole di Napolitano e cioè l’avvio di una legislatura che abbia un governo in condizioni di generare il cambiamento necessario», ha detto il segretario del Pd dopo aver ricevuto l’incarico al Colle. «Incontrerò le forze parlamentari e politiche con idee chiare, poche parole e intenzioni precise su percorsi di riforma. Ci andrò con le mie idee», ha aggiunto Bersani, che immagina un governo in grado di avviare «un percorso di riforma che sia in grado di realizzare quello non è stato fatto qui e cioè aspetti rilevanti di riforme costituzionali e politico-elettorale, ha sottolineato ancora Bersani. M5S, per bocca del presidente dei senatori Vito Crimi, ribadisce il no a Bersani e lo sfida: rinunci ai rimborsi, poi ne parliamo. No anche all’ipotesi Zagrebelski «se circondato dai Pd» e freddezza sulla rielezione di Napolitano: «Decideranno gli iscritti». È forte comunque l’incertezza sul nuovo esecutivo Maurizio Lupi (Pdl) pronostica il fallimento del segretario del Pd e il leader della Lega Roberto Maroni dice no ad un esecutivo di minoranza. (tratto da ilmessaggero.it)

    12 COMMENTS

    1. A voi del PD vi controlleremo passo dopo passo, è finita l’era dello sperpero e della cattiva politica.E , dovete avere un pò di pazienza, non