More

    HomeEvidenzaNasce l’ASD pallavolo Cerignola

    Nasce l’ASD pallavolo Cerignola

    Pubblicato il

    Una nuova compagine sportiva nasce a Cerignola. Nuova solo l’associazione perché i costituenti non sono nuovi a successi e all’attività sportiva: Michele Valentino, uno dei fondatori dell’Udas, nonché tecnico apprezzato negli ultimi anni grazie alle vittorie nei campionati pallavolistici nazionali, Pierluigi Lapollo, ex udassino anche lui, prima atleta e poi istruttore e dirigente, Claudio Errico, l’anima di tante stagioni sportive, una vita dedicata all’associazione bianco-azzurra e Matteo Russo, nelle ultime stagioni addirittura Consigliere del Direttivo udassino e perno importante dei progetti basket e volley di quest’ultima. Questa nuova associazione ha come Presidente Antonio Lapollo, che nel mondo dello sport ha ricoperto diversi ruoli istituzionali rilevanti: è stato Assessore provinciale allo Sport, ha ricoperto l’incarico di Delegato provinciale della Federazione Italiana Pugilato e fino a non molto tempo fa ha avuto l’onere e l’onore di essere Presidente Provinciale del CONI di Foggia. Lui ha sin da subito accettato di affrontare questa avventura perché da sempre ha suggerito ai molti di pensare e di partire dai più piccoli, perché è su di loro che si può investire per una città migliore domani; idea promossa in questi anni proprio dai fondatori che hanno cercato di realizzarla negli ambiti nei quali loro erano impegnati.

    Insomma, una compagine, sicuramente nuova, ma che ha esperienza e competenza da vendere. Con loro, tanti gli amici, le famiglie e gli esperti che sin da subito hanno dimostrato vicinanza ed appartenenza a questa nuova realtà: su tutti il professor Gaetano Mazzarella e la professoressa Rosalinda Conte, due professionisti competenti, preparati e seri ai quali verranno affidati molti gruppi del settore giovanile, sotto l’occhio attento e super visore di Michele Valentino, il quale ricoprirà il ruolo di Responsabile Tecnico. Obiettivo principale di questa associazione è quello di portare il nome della città di Cerignola alla ribalta nazionale, così come questo staff è riuscito a fare con la vicina Lavello, che ha partecipato addirittura al campionato di serie B2 Femminile e che nella passata stagione si è qualificata al quarto posto. Nessuna ipocrisia, tanta concretezza, massima serietà, parola d’ordine “Competenza”! La Pallavolo Cerignola, sin dai primi giorni di vita ha ricevuto diverse proposte per poter acquisire i titoli e partecipare a Campionati di Serie B o C, ma prima l’analisi socio-politica del territorio e poi una valutazione tecnico-economica dell’impresa ha comportato la stesura condivisa di un graduale programma da seguire, nei metodi e negli obiettivi.

    Partecipare ad un massimo campionato senza la possibilità di ricoprire un ruolo da protagonista non da la giusta importanza ad una città come Cerignola, pertanto, rimanendo coi piedi per terra e con lo sguardo fisso all’obiettivo iniziale, la priorità assoluta, in termini di risorse economiche e programmatiche sarà il settore giovanile: non inteso come “frase fatta” per giustificare a questo o a quel imprenditore gli alti costi di una stagione sportiva, ma davvero, nei fatti e nei risultati da dimostrare solamente a quei genitori che affideranno i loro piccoli a questa nuova componente ludico-sportiva. Già da ora, tante le iniziative previste: dai maxi eventi in piazza di fine estate dedicati ai piccoli (pensato per la prima metà di settembre), alle amichevoli tra formazioni di caratura nazionale, passando per la candidatura ad ospitare e organizzare finali regionali e nazionali di pallavolo e alla creazione di particolari trofei che possano mostrare agli imprenditori le vere potenzialità che questo sport ha, per far sì che la nostra città non sia, come al solito, bistrattata per una nomea che ormai non le compete più, almeno per quanto concerne il profilo sportivo. Una società vivace, la Pallavolo Cerignola, una società che nasce con le idee chiare, una società che farà il tifo per tutte le formazioni che nella stagione sportiva ormai alle porte affronteranno campionati di C (basket e volley) e per tutte le altre che giorno dopo giorno creano la sana alternativa alla strada, per tutti i minori di Cerignola e per il miglioramento della vita stessa. La Pallavolo Cerignola punterà sull’associazionismo vero: all’educazione e alla formazione dei più giovani, all’incontro e all’integrazione sociale.  Una sola paura attanaglia in queste ore i “neo” dirigenti: l’Amministrazione Comunale riserverà loro la possibilità di usufruire degli spazi pubblici per svolgere degnamente l’attività sportiva? Ai posteri l’ardua sentenza.

    27 COMMENTS

    1. fini politici? questi ragazzi prima sono stati accusati di avere scopi di lucro e se ne sono andati dall’udas. adesso che devono fare? lasciare lo sport?

    2. Avevo una figlia che voleva andare all’udas perchè c’erano loro. Adesso felicemente la porterò in questa nuova realtà. Chi ha conosciuto l’ambiente udas sa di cosa parlo. Mi dispiace per i tanti che screditano gratuitamente chi fa veramente sport. Ho saputo che nelle altre associazioni ci sono Finanzieri, Dirigenti Inps, Commercialisti e Ragionieri. Io so che invece in questa associazioni ci sono operatori dello sport. leggo questo sito da sempre e mi sono sempre astenuta da fare commenti, perchè non ne sapevo molto. Ma adesso l’ho fatto con cognizione di causa. Scusate. Bravi ragazzi

      • Mamma mia quanta ignoranza allo stato brado primitivo che c’è a Cerignola! Qualunque cosa di positivo che fai immediatamente vieni etichettato come “manovratore politico”; se organizzi associazioni sportive; se ti inventi corsi musicali; se crei nuove realtà vieni denigrato a prescindere; sai perché Perché hanno paura che levi manovalanza al malaffare. Che ben vengano queste nuove idee

      • Bello spot signora o signor “MAMMA EX UDAS”, ma a chi vuoi prendere in giro!!
        Un consiglio… partire in una nuova avventura denigrando chi già c’è non è un buon inizio.
        Per chi ancora non lo sapesse, le associazioni sportive sono aziende a tutti gli effetti e ben vengano finanzieri, dirigenti inps, commercialisti e ragionieri che le gestiscono, invece per lo svolgimento dell’attività sportiva esistono i cosiddetti “settori tecnici” (allenatori, istruttori, professori ISEF, preparatori atleti ecc ecc), ricorda?
        Non dimentichi che grazie a loro, questi sport “minori” sono emersi a livello apicale regionale.
        Basti pensare che fino a due anni fa nessuno sapeva che a Cerignola si faceva pallavolo a basket e il tutto era gestito da loschi figuri che in nome dello sport hanno fatto i cavoli loro facendo crescere solo il loro conto in banca grazie alle quote sociali dei ragazzini e ragazzine, senza nessuna possibilità di crescita sportiva in quanto non si investiva in qualità, per esempio disputando campionati di categoria, assumendo professionisti dello sport, investendo in attrezzature all’avanguardia, in quanto “costavano” e non “avanzava” niente per loro.
        Per fortuna ora ci sono dei professionisti alla gestione economica e finanziaria di queste società, almeno siamo sicuri che non rubano e che non traggono profitti personali.
        Signora o signor “MAMMA EX UDAS”, a prescindere, le faccio i migliori auguri per questa nuova avventura, ma le consiglio di impiegare il suo tempo a far crescere la sua nuova associazione invece di scrivere spot “autocelebrativi” cammuffati da commenti….

    3. siete in tanti e voi siete gli ultimi arrivati, pertanto non potete esigere spazi pubblici già abbondantemente occupati

    4. Ma chi ha scritto questo articolo? Siete una redazione seria, pertanto prima di pubblicare un articolo del genere,che verrà visto
      da tanti lettori,informatevi meglio sulle persone. A parte Michele Valentino che ha fatto qualcosa come tecnico,il resto non ha affatto esperienza,pertanto fareste meglio a cancellarlo questo articolo ridicolo.

      • Ma lei lo sa che i ragazzi di cui parla sono laureati e nelle precedenti stagiorni hanno vinto diversi campionati (nel ruolo di dirigenti) e hanno portato dov’è adesso l’udas? Io mi chiederei che fine farà l’udas senza di loro o il perchè nessuno li ha quanto meno salutati dopo il loro abbandono…Io so che anche la squadra di cui faccio il tifo li voleva ma avevano altri progetti da proseguire. Ma sopratutto sarebbe interessante capire il perchè hanno lasciato quell’associazione!

    5. Praticamente sono 2 squadre in una.
      Voglio ringraziare la signora che ha fatto il paragone con l’altra associazione, citando Finanzieri , Dirigenti Inps, ecc.

      Guardi se dipendesse da me, darei a queste persone da Lei citate, il potere di AMMINISTRARE CERIGNOLA, pensi un pò.
      Ma non faccia questi tipi di paragone, non ci sono proprio i presupposti per farli, non esiste proprio, perchè questa gente non ha mai fatto politica.
      La loro è la vera politica del SOCIALE, VERA ha capito????
      Comunque chi vivrà vedrà, tempo al tempo.
      A risentirci.

    6. Dire che questi ragazzini sono fondatori dell’UDAS credo proprio che non sia il caso!!!!!! UDAS = UOMINI DONNE AMICI dello SPORT e’ stata fondata nel lontano 70 dal grande NANDO DI LEO, non appuntatevi medaglie che non vi appartengono!!!!!

      • Ricordati che Lapollo ha scritto l’articolo!il che e’ tutto dire!mi meraviglia non aver letto di razze di animali o cose simili !

      • Ma tu nella tua vita cos’hai allenato? sicuramente avrai fatto bene l’autista. probabilmente, prima di sparlare bisogna leggere le carte. qui c’è un comunicato che dice qualcosa. tu se vuoi scrivila, sottoscrivila e pubblicala cosi da provare il vero di quanto dici. L’ultima volta che hai allenato a cerignola hai fatto retrocedere l’udas e adesso parli ancora?

        • Atleta serio sono Antonio Russo se leggi bene i commenti io ho solo ribadito che c’è gente che si spaccia per fondatori di una associazione che è nata ancora prima che nascessero!!!!! Per quanto riguarda le mie capacità te ne parlerò nel momento ti firmi con nome e cognome!!!!

    7. Noi cerignolani siamo un popolo parecchio particolare, difficilmente cambieremo mentalità, dispiace tantissimo, perchè a cerignola c’è tantissima brava gente che potrebbe, anzi vorrebbe fare tanto nel Sociale e non solo, senza alcun scopo, rimettendoci addirittura di tasca propria, ma a un certo punto cosa succede? Succede che la gente si monta la testa e inizia ad essere distruttiva verso coloro che danno l’anima veramente. Ma una volta individuati, con rabbia e delusione bisogna fare lo scarto delle mele marce.
      Provate voi a fare qualcosa a cerignola, se va bene ti devono fregare, se invece va male sei classificato un fallito, uno che non vale niente.
      Saluti.

    8. Do atto e merito a chi vuole fare qualcosa per Cerignola, non sto qui a discutere questo, sono persone competenti, ma da qui a dire che sono fondatori dell’UDAS c’è ne vuole, per chi non la conosce la storia dell’UDAS nasce dalla Maroso squadra che faceva parte della parrocchia MM S. ASSUNTA e sono sicuro che costoro non erano nemmeno nati!!!!

      • HAI RAGIONE ANTONIO SONO UN EX PRESIDENTE DELLA PASSATA UDAS, QUANDO TUTTI SI LAVORAVA METTENDOCI IL NOSTRO IMPEGNO A TIRAR FUORI DALLA STRADA I BAMBINI, A FORNIRE UNA DISTRAZIONE ALLA DURA REALTA’ FEMMINILE DI CERIGNOLA, PRENDENDOCI I FISCHI E LE RISATE, PORTANDO PER LA PRIMA VOLTA LA PALLAVOLO MASCHILE E FEMMINILE FEDERALE E NON SOLO C.S.I. A CERIGNOLA! CREANDO QUELLI CHE ORA SONO ATLETI O ALLENATORI FEDERALI E TITOLATI. COMPIERCHIO DOTT. FRANCESCO. VIVA LO SPIRITO UDASSINO!

    9. DA PAPA’ VORREI CAPIRE TANTE COSE CHE DA QUESTO COMUNICATO COSI AUTOCELEBRATIVO NON VENGONO ASSOLUTAMENTE FUORI.

      UNA DOMANDA MI SORGE SPONTANEA A CHI DOVREMMO AFFIDARE I NOSTRI FIGLI ? VORREMMO CAPIRE OLTRE A MICHELE VALENTINO QUALI SONO I GRADI FIPAV CHE HANNO TUTTI GLI ALTRI ” ALLENATORI ” CHE COMPONGONO LO STAFF! VORREI CAPIRE CHE TESSERINO AVETE E CON QUALE LIVELLO GIOVANILE.. QUALI ESPERIENZE PASSATE DI GESTIONE GRUPPI E CHE CATEGORIE AVETE ALLENATO E CON QUALI RISULTATI COMPONENTE PER COMPONENTE. GRAZIE . ASPETTO UN RISPOSTA

      • siamo un gruppo di genitori…l anno scorso abbiamo apprezzato questi ragazzi transfughi….come speaker …attacchini di manifesti…facchini…magazzinieri….ora vogliono che affidiamoi nostri figli a loro? ma xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxx portate i figli dove ce esperienza professionalita e tecnici validi e riconosciuti. non scherziamo con i bambini per favore

        • Da pallavolista e genitore di giocatrice di pallavolo mi associo ai quest’ultimi commenti, l’unico riconosciuto quale allenatore di pallavolo ed istruttore isef è michele valentino, gli altri sono millantatori. Per favore serietà, non si scherza sull’attività fisica di ragazzini in crescita, i danni potrebbero essere irreparabili.

          • se fossi una pallavolista vera sapresti chi sono questi ragazzi. purtroppo più che al mare non hai giocato. gli istruttori sono laureati isef quanto meno, nonchè qualificati fipav. gli altri ragazzi dirigenti? io chiederei a ferraro che ha vinto la D, lavello che ha fatto la B e alla castellano e solenergy che hanno fatto C e D di basket…poi mi riscrivi.

      • sicuramente, gli istruttori nominati nel comunicato hanno più titoli di quelli delle altre associazioni cerignolane. w l’informazione

    10. magari alcuni di loro sono docenti formatori del csi. magari alcuni di loro sono professori, magari alcuni di loro sono degli esperti che non devono su questo sito presentare i curriculum. perchè non pubblichiamo i cv di tutti gli istruttori delle associazioni? facciamo la gara? e se c’è qualcuno che bleffa poi? facile vero?

    11. Una cosa è certa. senza di loro l’udas non è la stessa. Chi conosce l’udas sa di cosa parlo. lo sanno anche i giocatori delle squadre. lo sanno gli sponsor e lo sanno i tifosi come me. grazie ragazzi, in bocca al lupo per la nuova esperienza. spero veniate ancora al palazzetto perchè con voi l’ambiente è tutto diverso

    12. Rimango anonimo perchè nessuno ho visto che mette nome e cognome.
      Devo solo ringraziare queste persone perchè quando sono stato a cerignola, e sono stato udassino per alcuni mesi, LORO sono stati fantastici. Posso garantire che soldi non ne hanno mai presi, anzi, andavano elemosinando in giro le spese per farci andare in trasferta. Sono persone semplici, umili e competenti, doti incredibili e introvabili oggi giorno. Spero non leggano queste cattiverie scritte da cerignolani. Io che li ho conosciuti posso dire di essere stato fortunato di averli incontrati sul mio percorso sportivo e umano. Grazie davvero. Ex …Udassino per sempre

    Comments are closed.

    Ultimora

    Celestino Capolongo si dimette da consigliere comunale del Pd a Cerignola

    Questa mattina Celestino Capolongo, a cui il giudice ha revocato gli arresti domiciliari e...

    Pomodoro, Cia Capitanata: “Basta rinvii, ora l’intesa sul prezzo”

    “Sul pomodoro da industria, al Centro Sud occorre superare questa fase di stallo nelle...

    Di giorno avvocato, di notte scrittore: Vittorio Pelliccioni lancia il suo primo romanzo “La Stella di Niamh”

    Credere nei sogni e non arrendersi mai, la storia che ha portato l’avvocato Vittorio...

    Cerignola, nuovo appuntamento informativo sul “Dopo di Noi”

    Si terrà giovedì 18 aprile 2024, alle ore 17, presso l’auletta conferenze del Comune...

    Raccolta rifiuti, Bonito: «Inammissibile scaricare sui cittadini le questioni aziendali di Tekra»

    Le inefficienze del servizio di raccolta dei rifiuti, particolarmente nelle aree più distanti dal...

    “Fumo Zero: un respiro di salute” per il futuro di Cerignola

    Venerdì 19 aprile alle 10:00, nell'Aula Consiliare di Palazzo di Città a Cerignola, un...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Celestino Capolongo si dimette da consigliere comunale del Pd a Cerignola

    Questa mattina Celestino Capolongo, a cui il giudice ha revocato gli arresti domiciliari e...

    Pomodoro, Cia Capitanata: “Basta rinvii, ora l’intesa sul prezzo”

    “Sul pomodoro da industria, al Centro Sud occorre superare questa fase di stallo nelle...

    Di giorno avvocato, di notte scrittore: Vittorio Pelliccioni lancia il suo primo romanzo “La Stella di Niamh”

    Credere nei sogni e non arrendersi mai, la storia che ha portato l’avvocato Vittorio...