More

    HomeEvidenzaDalla Campania alla Puglia, in bici sulla ciclovia dell'Acquedotto: "Rendiamola reale"

    Dalla Campania alla Puglia, in bici sulla ciclovia dell’Acquedotto: “Rendiamola reale”

    Pubblicato il

    Un grande percorso ciclabile che segua la lunga linea tracciata dall’Acquedotto pugliese. Roba da far impallidire i 300 chilometri della ciclovia del Danubio e quella della Loira, che ogni anno generano milioni di euro di indotto per le aziende locali. I promotori dell’idea che ha già raccolto in due mesi oltre 10 mila firme virtuali non temono fatica e sudore, da veri appassionati di due ruote. E per dimostrare l’opportunità economica e turistica della proposta hanno compiuto un’autentica impresa. Quel tragitto lungo 474 chilometri infatti lo hanno esplorato davvero in sella a una bici, da Teora, in provincia di Avellino, fino a Santa Maria di Leuca, in provincia di Lecce. Anche se la desiderata Via dell’Acquedotto oggi è costruita per soli 10 chilometri da Ceglie Messapica a Figazzano. Cosimo Chiffi, Simone Bosetti, Marco Taurino e Roberto Guido hanno affrontato il viaggio in cinque tappe, affiancati da altri due cicloturisti (Luigi Sanasi e Alessandro Santantonio), uniti al gruppo a Cassano: 69 chilometri da Teora ad Atella, altri 90 fino a Castel del Monte, poi 115 fino ad Alberobello, 135 fino a Nardò e infine gli ultimi 65 per arrivare alla punta della Puglia. L’iniziativa è stata organizzata dall’associazione Freeplan di Nardò, una dei 40 soggetti che compongono il Coordinamento dal basso per la ciclovia dell’Acquedotto pugliese.

    Nei tratti lungo alcuni dei punti più affascinanti e poco valorizzati del meridione e incontrando tanti edifici di ispezione e impianti abbandonati, i quattro ‘cicloesploratori’ si sono dissetati con le innumerevoli fontanine pubbliche. E hanno raccolto l’entusiasmo e il contributo di cittadini, cicloamatori e operatori turistici, insieme alla carica per pedalare verso la meta. “C’è bisogno di un forte e deciso impegno delle istituzioni per trasformare questa esigenza della società civile in azioni rapide e coerenti – scrivono all’arrivo -impedendo che gli sforzi pur lodevoli di alcuni enti, e gli investimenti, vengano poi vanificati e mortificati dalla burocrazia”. Ci sono troppi cartelli di divieto di accesso per proprietà privata che costeggiano quell’unico tratto di ciclovia realizzato finora, a esempio. Mentre molti altri itinerari ciclabili già appositamente indicati (nell’area del Parco dell’Alta Murgia, in Valle d’Itria, a Villa Castelli, Oria e Francavilla Fontana) potrebbero diventare parte integrante di un unico e ambizioso piano: “Occorre innanzitutto una forte azione di regia per trasformare un’idea suggestiva in un progetto concreto – continuano – mantenendo una visione unitaria di tutto l’itinerario cicloturistico e un approccio progettuale più semplice e pratico”.

    I primi ad essere interpellati saranno nei prossimi giorni l’assessori pugliesi ai Trasporti Giovanni Giannini e al Turismo Gianni Liviano, ma presto potrebbero essere coinvolti anche altri enti come la Regione Campania e la Regione Basilicata per dare seguito alla petizione lanciata da Bikeitalia.it e sottoscritta anche dall’ex ministro Massimo Bray, direttore dell’istituto della Enciclopedia Treccani. A fine luglio proprio Giannini si era rivolto ai promotori, precisando che i primi esempi di ciclovia erano stati creati proprio grazie allo sforzo della Regione Puglia, non senza difficoltà tra autorizzazioni, rifacimento dei muretti a secco e rafforzamento di balaustre e staccionate. Inoltre, sottolineava ancora il componente della giunta Emiliano, nel piano attuativo 2015-2019 del Piano regionale dei trasporti è “previsto tra gli interventi da realizzare entro il 2020, il completamento della ciclovia fino a Grottaglie, da un lato, e la realizzazione della stessa fino a Gioia del Colle, dall’altro lato, con la possibilità di realizzare un collegamento ciclabile fino a Matera, capitale europea della Cultura”. “Si parla, insomma, di 50 chilometri in 5 anni. A questo ritmo, si arriverà al completamento dell’intero progetto non prima del 2060 – era stata la risposta polemica del Coordinamento – La non risposta dell’Assessore non è per noi accettabile. Non ci fermeremo: d’altronde, siamo abituati a pedalare in salita e a fare fatica per ogni chilometro ottenuto”.

    Tratto da repubblica.it – di G. R. – 4 settembre 2015

    Ultimora

    Omicidio Donato Monopoli, ridotte in appello le pene per i due imputati

    Derubricando il reato di omicidio volontario in omicidio preterintenzionale, la Corte d’assise d’appello di...

    Cerignola, iscrizioni aperte per il registro delle imprese storiche

    Cerignola rende omaggio alle radici della sua economia e della sua storia. Il Comune...

    Tre anestesiste rafforzeranno il reparto di Rianimazione dell’ospedale di Cerignola

    Si è tenuto ieri pomeriggio, presso l’ospedale di Cerignola, l’incontro tra il sindaco Bonito...

    A Cerignola ed Orta Nova due panchine gialle contro bullismo e cyberbullismo

    L'inaugurazione a Cerignola e Orta Nova di due panchine gialle, simbolo di sensibilizzazione contro...

    “No smoking be happy”: torna a Cerignola l’evento dedicato alla prevenzione del fumo

    Il 30 e 31 maggio, in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco, l'associazione Costruire,...

    “Favugne. Storia di mafia foggiana”, domani la presentazione del libro a Cerignola

    All’interno de Il Maggio dei Libri, la biblioteca di comunità di Cerignola in collaborazione...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Omicidio Donato Monopoli, ridotte in appello le pene per i due imputati

    Derubricando il reato di omicidio volontario in omicidio preterintenzionale, la Corte d’assise d’appello di...

    Cerignola, iscrizioni aperte per il registro delle imprese storiche

    Cerignola rende omaggio alle radici della sua economia e della sua storia. Il Comune...

    Tre anestesiste rafforzeranno il reparto di Rianimazione dell’ospedale di Cerignola

    Si è tenuto ieri pomeriggio, presso l’ospedale di Cerignola, l’incontro tra il sindaco Bonito...