More

    HomeNotizieAttualitàCerignola con Gianni Maddaloni scopre il valore educativo del Judo

    Cerignola con Gianni Maddaloni scopre il valore educativo del Judo

    Pubblicato il

    Questo slideshow richiede JavaScript.

    La visita del Maestro Internazionale di Judo Gianni Maddaloni, nell’ambito del progetto “Etica Nello Sport”, ha entusiasmato le realtà sportive di Cerignola; trovarsi di fronte a una persona che fa dell’umiltà e della professionalità l’arma di trasmissione dei valori dello sport è stato dono rarissimo per i tanti giovani presenti in Aula Consiliare. L’arrivo ieri, già prima del convegno, è stato intenso: con lui quattro ragazzi del centro sportivo del Quartiere Scampia di Napoli, per portare la testimonianza ai colleghi del Liceo Sportivo ubicato presso il plesso scolastico “Albert Einstein” di Cerignola; rivolgendosi a loro, infatti, ha ricordato come sia “determinante basare la preparazione su tre fattori importanti: allenarsi con assiduità e sacrificio, dare linfa alle scuole veicolo per una crescita lontano dalle periferie, e anche il contributo delle famiglie, sempre più presenti per la crescita culturale e sportiva”. Il saluto dei rappresentanti istituzionali locali, dal Sindaco Antonio Giannatempo, all’Europarlamentare Elena Gentile, fino ai delegati del Coni, Domenico Di Molfetta (Foggia) e Salvatore Mininno (Cerignola), e alla viva testimonianza di Erminia Zonno, hanno impreziosito la prima parte del convegno fornendo spunti di riflessione circa alcune criticità del settore.

    Nel corso del dibattito, moderato da Vito Balzano de lanotiziaweb.it, le istruttrici e gli istruttori protagonisti del progetto Etica nello Sport, presenti numerosi in sala, hanno fatto domande e carpito curiosità inedite; Maddaloni ha svelato, inoltre, in esclusiva a lanotiziaweb.it, il primo incontro con il Premier Renzi: «E’ avvenuto in due fasi, la prima durante un allenamento in una città campana dove mi disse “sono il Presidente del Consiglio e non mi rispondi?”; sulle prime credetti a uno scherzo, poi ci incontrammo al collare d’oro a Roma e gli dissi uno che stringe la mano e non guarda negli occhi il proprio interlocutore non comincia bene”. Successivamente con Giovanni Malagò, numero uno del Coni, “Mi invitò a Roma e disse “cosa ti serve?”, gli risposi che volevo creare un villaggio sportivo nel mio quartiere a Napoli”; insieme al Premier si sono mobilitati e spero che questo progetto venga portato a termine». Infine, sul processo di costruzione della legalità, tema ricorrente durante l’intero dibattito, il tecnico federale ha precisato: «La legalità si costruisce a cominciare dalle famiglie; io ai miei ragazzi lo dico sempre: non abbiate mai paura di aiutare e di chiedere aiuto agli altri ma, soprattutto, di ringraziare. Esistono delle regole nel judo, che sono regole di vita in fondo; rispettare i genitori, essere ordinati a casa per essere ordinati nella vita ma, in modo particolare, non arrendersi mai. La capacità di sapersi rialzare dopo un brutto colpo, sia morale o fisico, è l’elemento educativo più importante per i giovani, specialmente per coloro che arrivano da realtà difficili, col papà in carcere, senza una guida. In questo la figura della mamma risulta essere sempre la più importante».

    Intervento altrettanto interessante di Giuseppe Tribuzio, sociologo dell’educazione, il quale ha posto l’accento sulla questione etica, da un punto di vista teorico, e sull’importanza che la disciplina sportiva in generale, e il judo nello specifico, possono donare a tanti giovani. Durante il dibattito, alla provocazione del moderatore circa la possibilità di educare allo sport più che pianificare una educazione sportiva, il docente ricorda come si debba partire dal concetto stesso di educazione, quale scienza in grado di fornire i modelli utili al cittadino attivo e responsabile. Le conclusioni affidate al Consigliere comunale, Delegato allo Sport, Marcello Moccia, il quale congratulandosi con i presenti e col folto pubblico ha voluto sottolineare l’impegno delle tante ragazze e ragazzi: “Abbiamo fatto tanto per lo Sport a Cerignola, e continueremo a farlo anche se le risorse economiche sono sempre minori; col progetto Etica nello Sport abbiamo costruito una rete in continua espansione che, nel campo dei così detti sport minori, sta accrescendo la partecipazione di tanti bambini e ragazzi cerignolani. Lo sport è vita, lo hanno ricordato i nostri ospiti oggi, e investendo in questo settore possiamo davvero costruire una città migliore”. Ultima giornata oggi con gli incontri nelle scuole primarie e secondarie – stamattina a partire dalle 8.30 – e a chiusura del tour l’allenamento con gli allievi dell’Associazione ’’Asd Kito Ryu’’ di Michele Marrone presso il Palazzetto dello Sport di Cerignola a partire dalle ore 18.30.

    Ultimora

    Procuratore Bari, «Puglia nuova terra dei fuochi»

    «Parlare della Puglia come di nuova terra dei fuochi è un dato di realtà,...

    Questione ruolo Savino Bonito, Metta si rivolge al Prefetto e al Garante della Protezione Dati

    Secondo dichiarazioni rilasciate negli ultimi giorni da un consigliere comunale di maggioranza e trapelate...

    L’importanza del filtro dell’olio: quando sostituirlo?

    Come riconoscere le problematiche legate al filtro dell’olio? È una delle componenti più importanti...

    I bookmaker non AAMS e la legge italiana: cosa bisogna sapere

    Immergersi nel vasto e complesso universo del gambling online è un'avventura che richiede non...

    Audace Cerignola, indetta la “giornata gialloblù” in occasione del match con l’Avellino

    L’Audace Cerignola si tuffa nel rush finale della stagione regolare, per cercare di ottenere...

    “Pietra di Scarto” presenta “Sfruttamento e Caporalato in Italia” a cura di Marco Omizzolo

    Si svolgerà venerdì 1° Marzo a partire dalle ore 18.30 presso Palazzo Fornari a...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Procuratore Bari, «Puglia nuova terra dei fuochi»

    «Parlare della Puglia come di nuova terra dei fuochi è un dato di realtà,...

    Questione ruolo Savino Bonito, Metta si rivolge al Prefetto e al Garante della Protezione Dati

    Secondo dichiarazioni rilasciate negli ultimi giorni da un consigliere comunale di maggioranza e trapelate...

    L’importanza del filtro dell’olio: quando sostituirlo?

    Come riconoscere le problematiche legate al filtro dell’olio? È una delle componenti più importanti...