More

    HomeNotizieAttualitàNasce a Cerignola "In Ascolto", lo sportello di consulenza psicologica

    Nasce a Cerignola “In Ascolto”, lo sportello di consulenza psicologica

    Pubblicato il

    L’Istituto Salesiano Don Bosco di Cerignola ha ufficialmente aperto, l’altra sera, le porte allo sportello  di consulenza psicologica “In ascolto”, rivolto all’intera comunità parrocchiale e non solo. Uno spazio neutro, gestito da personale qualificato, dove giovani ed adulti, con libertà e garanzia di segreto professionale, potranno, dal prossimo lunedì,  “bussare” gratuitamente per trovare ascolto, sostegno e accompagnamento. Consulenza psicologica, sportello di ascolto, psicologia dello sport e seminari informativi: tutto questo e molto altro sarà offerto agli utenti in un pacchetto di incontri gratuiti. Un luogo di accoglienza al quale potersi rivolgere a seguito di difficoltà di tipo personale, interpersonale, affettivo e relazionale, il lunedì, il martedì e il giovedì, dalle ore 9.00 alle ore 12.00, e il mercoledì dalle 15.30 alle 19.30. Promotori dell’iniziativa, inaugurata alla presenza del Vice Sindaco Mimma Albanese, quattro giovani psicologi cerignolani: Giovanni Dipaola, (Psicologo dello Sport), Luisa Scarano, Mariapia Gisario e Antonella Chieti (queste ultime stanno frequentando la Scuola di Specializzazione di Psicoterapia).

    Un progetto – spiega a lanotiziaweb il dott. Dipaola – che nasce dalla ferma volontà di quattro amici e giovani professionisti, di tornare nella propria terra, dopo anni di preparazione universitaria e post-universitaria in diverse città italiane, e di mettere al servizio della comunità la propria professionalità, piantando semi di conoscenza, di empatia e di umanità di cui il nostro territorio ha bisogno. L’obiettivo – prosegue – è quello di offrire, ispirandoci al principio del rispetto reciproco, della lealtà e della colleganza, come recita l’articolo 33 del nostro codice deontologico, un punto di riferimento, non legato strettamente ai servizi sociali o ad altre strutture istituzionalizzate. In questo modo, è possibile favorire, in un luogo familiare come quello della Parrocchia, un primo libero approccio con la figura dello psicologo, spezzando quella infida catena di pregiudizi e falsi miti ai danni della nostra figura professionale. Ricordiamoci che la ricerca del proprio benessere  psicologico migliora la qualità di vita e aiuta a prevenire possibili disagi nel rapporto con se stessi e con gli altri”.