More

    HomeEvidenzaProgetto presentato in ritardo, Cerignola perde 1 milione di euro

    Progetto presentato in ritardo, Cerignola perde 1 milione di euro

    Pubblicato il

    Un progetto presentato in ritardo, il giorno dopo l’apertura della procedura. Così Cerignola perde un milione di euro, di questi tempi ossigeno puro per le casse comunali e per la collettività. A diffondere la notizia sono Rino Pezzano, capo della maggioranza in consiglio comunale e Tommaso Sgarro, leader del centrosinistra. «Presenterò formale interrogazione all’Assessore ai Lavori Pubblici per comprendere le motivazioni […] – scrive sul suo profilo facebook Rino Pezzano -. Mi sono prodigato molto affinché Cerignola non perdesse questa opportunità, ricordando in più occasioni le modalità di presentazione della domanda. Il Bando è a “sportello”, quindi le istanze verranno esaminate in ordine cronologico d’arrivo. Ecco perché Cerignola non avrà nessuna speranza di ottenere quel finanziamento».

    Tommaso_Sgarro«Non ti puoi allontanare una mezza mattinata dalla città – afferma invece Tommaso Sgarro dai banchi dell’opposizione – che torni e scopri come l’amministrazione Metta abbia perso un finanziamento da parte della Regione Puglia (1 milione di euro). […] L’istanza del Comune di Cerignola arriva in ritardo e i soldi volano via. Sciatteria, improvvisazione e Cerignola perde soldi. Come in passato, altro che cambiamento». La delibera di progetto esecutiva reca la data del 28 agosto, mentre la procedura di presentazione partiva dalla mezzanotte del 1 settembre. Il comune di Cerignola invia tutto – attraverso la PEC – il 2 settembre alle ore 13,38 e si piazza oltre il 150esimo posto. In parole povere il progetto non verrà finanziato, neanche in caso messa a disposizione di eventuali ulteriori fondi. «Come Presidente della III Commissione Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia Privata, Patrimonio -conclude Sgarro – anticiperò la convocazione della stessa entro la settimana per chiedere all’Assessore come sia potuta accadere una cosa del genere».

    2 COMMENTS