More

    HomeEvidenzaCerignola, congresso Pd: se la giocano Tommaso Sgarro e Sabina Ditommaso

    Cerignola, congresso Pd: se la giocano Tommaso Sgarro e Sabina Ditommaso

    Si infiamma la corsa alla segreteria: Sabina Ditommaso, ex-Margherita, sfida l'ex-candidato Sindaco Tommaso Sgarro

    Pubblicato il

    Sarà una sfida a due per la segreteria cerignolana del Pd. Si giocherà voto su voto la competizione tra Tommaso Sgarro e Sabina Ditommaso. Il primo, consigliere comunale e provinciale, già segretario e candidato Sindaco nel 2015; la seconda, candidata nelle fila del Pd, non è mai stata eletta in consiglio. Cambia il quadro in via Mameli, dove la Ditommaso certifica con la sua candidatura le voci di rotta con l’attuale segretaria. Alla base ci sarebbero, prima che visioni politiche divergenti, questioni squisitamente personali.

    La dimensione politica però resta centrale nel congresso di Cerignola. «La mia vuole essere una candidatura trasversale, che nasce dalla richiesta di una fase nuova» dichiara la Ditommaso. «L’avvocato Ditommaso – replica secco Sgarro – ha fatto parte della segreteria, ne ha condiviso progetti e strategie. Mi rendo conto che molti non si sono accorti della sua presenza ma ne ha fatto parte».
    Ma se Tommaso Sgarro, per sua stessa ammissione, rappresenta la «prosecuzione di quel forte segnale di rinnovamento che ha portato il centrosinistra nel 2015 a candidare Sindaco di una città come Cerignola un ragazzo poco più che trentenne», dall’altra parte c’è «la candidatura di grossi gruppi di interesse interni del partito» rammenta il segretario uscente. Per l’avvocato «importante è uscire da quella sorta di isolazionismo politico che il PD di Cerignola vive da anni nei confronti dei vertici provinciali e regionali tanto del Partito quanto delle Istituzioni». Di idea contraria Sgarro che ricorda come «i militanti di Cerignola, e la Ditommaso allora era tra questi, da membri di un circolo importante, si sono sempre posti criticamente rispetto alle scelte calate dall’alto dal provinciale o dal regionale. Nessun isolamento, siamo e saremo sempre, quando ce ne sarà bisogno, voce critica».

    L’appuntamento è a sabato 21 dalle 16,00 alle 21,00 quando tutti i militanti saranno chiamati ad esprimere il proprio segretario. Per giorni si è provato ad inseguire una candidatura unica alla fine non praticabile. «L’esito degli incontri non ha dato i risultati sperati» fa sapere laconicamente la Ditommaso. Scende nello specifico invece Tommaso Sgarro puntualizzando che «non si può proporre la candidatura unica a condizione di occupare il direttivo con propri uomini di fiducia. Unità di un partito vuol dire tenere dentro un direttivo chi monta la festa, chi milita attivamente nel circolo, chi frequenta stabilmente la sezione. Per qualcuno con altra storia ed altri interessi unico terreno di dialogo è la conta delle tessere per dare seguito alle proprie ambizioni e necessità».

    3 COMMENTS