More

    HomeEvidenzaConsiglio comunale, passa la rigenerazione urbana. A margine protesta per la "puzza"

    Consiglio comunale, passa la rigenerazione urbana. A margine protesta per la “puzza”

    Pubblicato il

    Passa senza troppi problemi il DPRU (Documento Programmatico per la Rigenerazione Urbana) arricchito da un emendamento approvato all’unanimità dalla commissione urbanistica. Oltre le 145 pagine, la priorità – con l’emendamento appunto – di partire dall’ambito 1 (Santa Barbara-Terra Vecchia).

    Dopo la lettura del deliberato ad opera del primo cittadino una serie di interventi tutti favorevoli al provvedimento che poi sarà votato all’unanimità. «Obiettivo primario della rigenerazione – dice Tommaso Sgarro dai banchi del centrosinistra – è riconnettere le periferie al centro città. Quella periferia che ha meno servizi e che merita più opportunità, ovvero la zona Santa Barbara-Macello. E per non perdersi nel mare magnum di un lungo documento e non arrivare a ratificare solo atti in consiglio, oggi approviamo il documento con questo emendamento, impegno formale e punto di partenza. Lo abbiamo votato in commissione all’unanimità e lo voteremo in consiglio all’unanimità» chiosa.

    Sulla stessa linea il capogruppo di maggioranza Loredana Lepore (Cicogna), come pure Paolo Vitullo (Forza Italia). «E’ fondamentale – precisa da tecnico l’azzurro – il fatto di aver ricompreso il piano attuativo di Santa Barbara, dove i privati dovranno procedere a delle urbanizzazioni. Anche il privato va inerito in un discorso sinergico. E fondamentale è anche il fatto che siano ricomprese le aree industriali dismesse o le location idonee all’edilizia residenziale sociale».

    In fretta – in un consiglio presidiato dalle Forze dell’Ordine – si approva il punto con il favore di tutti e il consiglio dopo circa quaranta minuti termina. In quel momento compaiono cartelli con la scritta: “io sono Maria Sciscio”. Il riferimento è alla promotrice della protesta per la “puzza”, offesa, a detta dei manifestanti, proprio per aver promosso l’iniziativa. Una protesta che di fatto non ha impedito il normale svolgimento del consiglio.

    Abbandonano l’aula i consiglieri di maggioranza e la Giunta. Dopo mezz’ora circa di cori al grido di “dimissioni” i manifestanti si accomodano sotto Palazzo di Città. Lì si danno appuntamento al 3 luglio, quando in consiglio i punti all’ordine del giorno saranno molti di più e probabilmente, fanno sapere, non saranno più disposti ad attendere per non veder poi scontate le proprie istanze.