More

    HomeEvidenzaLa Dilillo Libera Virtus costringe al tie break la capolista Altino

    La Dilillo Libera Virtus costringe al tie break la capolista Altino

    Un ottimo punto ed una iniezione di fiducia in vista dello scontro diretto ad Isernia

    Pubblicato il

    Prestazione di elevata sostanza per la Dilillo Libera Virtus che, nell’ottava giornata di B1, costringe al tie break la Colormax Sikkens Altino (29-31; 25-22; 14-25; 26-24; 13-15 i parziali). Un punto d’oro ai fini della classifica e perfino qualche rimpianto per le ofantine, sia per un primo set perso ai vantaggi, sia per una rimonta rimasta a metà al quinto set. Coach Albanese ha schierato il 6+1 composto da: Altomonte in regia e Mauriello opposto; Montenegro e Martilotti laterali; Matte e Raquel Ascensao centrali più Tribuzio libero. Di Rocco ha mandato in campo: Calista alzatrice e Orazi sulla diagonale; Spagnoli e Ferro in banda; Montechiarini e Bonassi sottorete, con Lorenzini in difesa. Due punti Libera Virtus, altrettanti di Altino: il primo piccolo break è firmato Spagnoli (5-7); Matte a segno in fast, qualche fallosità a muro per le padrone di casa che commettono errori di misura (7-11). Le abruzzesi sembrano prendere il largo, ponendosi bene a muro sulla botta di Montenegro (8-13): il timeout di Albanese sortisce il recupero di due lunghezze, interrotto da Orazi. Mauriello chiude un lungo scambio (12-14), poi le virtussine agganciano a 14: un attacco out di Ferro vale il 16-15, Bonassi porta nuovamente avanti le ospiti; Lanza subentra ad una Martilotti non al meglio ed entra nel muro rivale. Altino non riesce a scappare ed il punteggio resta estremamente fluido, il primo punto di Montenegro (21-20) serve alla Dilillo per mantenersi col naso avanti, nonostante diverse decisioni discutibili della coppia arbitrale. E’ Montechiarini a ribaltare e dare il primo set point, vanificato da Ascensao: si va agli interminabili vantaggi ai quali è la Colormax Sikkens a spuntarla (Orazi), anche con un po’ di buona sorte.

    Cerignola tiene botta ed il tabellone nelle prime battute del secondo periodo segna 5-3: bene Ascensao e Matte al centro, i muri della brasiliana costringono Di Rocco ad interrompere il gioco (8-3). Altre due distanze messe da parte dalle virtussine, che trovano in Mauriello una realizzatrice costante: la capolista ritrova la bussola e rimonta, piazzando un parziale di 0-5 per il 12-7; passato il momento di difficoltà, le ragazze di Albanese riallungano il passo (20-10), grazie anche ai numerosi errori di mira delle teatine. Una pausa delle locali sul 21-15 ed il contestuale cambio al palleggio operato da Di Rocco (Ricci per Calista), porta al ritorno di Altino sempre più minaccioso (24-22): la fast di Matte toglie ogni paura e si va in parità. Il sestetto teatino non vuole correre rischi, Orazi e Spagnoli trovano varchi: la battistrada del torneo alza nettamente le percentuali a muro, funziona la regia di Ricci (5-9). Malgrado l’ingresso di Marlene Ascensao, le cerignolane sembrano un po’ stanche e le biancorossoblu sono in controllo delle operazioni: ancora Orazi a guidare la riscossa, accompagnata dalle compagne di reparto (8-17). La frazione scivola via senza sussulti, Martilotti cede il posto temporaneamente a Lanza, la Colormax Sikkens si riporta in vantaggio.

    In avvio di quarto parziale, la sensazione è che le gialloblu abbiano perso il mordente: impressione errata, poiché il 5-3 con muro di Martilotti e l’alternanza in attacco fra la calabrese e Mauriello manda la Libera Virtus sul +4 (9-5). Buono il meccanismo muro-difesa della Dilillo, dall’altra parte però le abruzzesi reagiscono (10-8): è la fase migliore del match, le squadre sciorinano energie ed azioni di livello, con le ofantine sul 14-8. Borassi riporta sotto il team di Di Rocco, Ferro dimostra che tutto è ancora in gioco (14-12): Orazi fuori misura da seconda linea, Montenegro non sbaglia in posto 2 (17-13); Cipriani in banda per Altino, Martilotti si carica il peso dell’attacco eppure la Colormax Sikkens non molla, sostenuta dalla solita Orazi e da Spagnoli (20-19). E’ sfida punto a punto, sempre Orazi per il pari 22, replica una maestosa Mauriello (20 punti totali per lei): la prima palla set è firmata Martilotti, Ferro non trema; ancora vantaggi, alla seconda opportunità Montenegro regala il tie break alla sua compagine. Nel quinto set Altino parte meglio, Orazi sfonda più volte e torna Lanza fra le virtussine: le biancorossoblu tuttavia sbagliano un po’ troppo, consentendo alle ofantine di andare al cambio di campo sul 6-8. Il capitano gialloblu rientra per provare il tutto per tutto, Montenegro spinge dalle bande e la Dilillo resta a contatto riportandosi ad un solo punto di distanza attraverso le mani ben stampate a muro di Mauriello. La capolista allunga ancora, Ferro per il primo match point annullato da una Mauriello incontenibile: il colpo di un soffio out di Martilotti segna la fine di un incontro estremamente vivace.

    La Libera Virtus può guardare con fiducia al prosieguo del campionato e questo punticino sottratto ad una formazione di prima fascia deve costituire lo sprone necessario per non fallire l’appuntamento della prossima settimana: la trasferta ad Isernia con una rivale diretta nelle zone basse della classifica.

    Ecco il tabellino della Dilillo Libera Virtus, con le giocatrici andate a referto ed i relativi punti realizzati:

    Altomonte 3, Mauriello 20, Montenegro 15, Martilotti 10, Matte 9, Ascensao M. 9, Lanza 4, Ascensao R. 1, Tribuzio (libero).