More

    HomeSportCalcioDue squadre in cerca dei tre punti: l'Audace Cerignola attende la Turris...

    Due squadre in cerca dei tre punti: l’Audace Cerignola attende la Turris del neotecnico Di Michele

    Ad entrambe le formazioni la vittoria manca da tre turni, i gialloblu di Pazienza confidano nel fattore "Monterisi"

    Pubblicato il

    Dare un calcio alla sfortuna delle ultime gare e confermare il proprio terreno di gioco come fonte sostanziosa di punti: l’Audace Cerignola riceve domani la Turris nel quadro dell’undicesima giornata del girone C di serie C. La squadra di Michele Pazienza sabato scorso è stata sconfitta 2-0 a Pescara, concludendo il trittico di incontri in una settimana con il bilancio di due punti. Un bottino (specie con riferimento al match col Taranto) che poteva essere più robusto, ma ormai guardare al passato non serve a niente, dovendosi concentrare sui prossimi appuntamenti. A parte le prime tre posizioni, la classifica è molto corta e bastano un paio di affermazioni per risalire la china, anche se a onor del vero i gialloblu non hanno pagato eccessivamente dazio per le ultime tre sfide senza vittoria. É altrettanto indubbio però che per non farsi impelagare nelle zone a rischio, bisogna sfruttare il fattore “Monterisi”, che ha portato in dote 8 dei 12 punti finora collezionati da Ligi e soci. Il match con i campani riserverà poi ulteriori incognite rispetto al solito, perché la Turris si presenterà con David Di Michele in panchina e dunque desiderosa di far subito una buona impressione al nuovo tecnico. Il Cerignola dovrà esibire la sua solita versione dinamica e combattiva, cercando anche di rompere il tabù delle segnature su palla inattiva: a parte il rigore realizzato da Malcore col Messina, non sono arrivati gol né sugli sviluppi di angoli o punizione, anche diretta.

    Scontata la squalifica di due turni, torna a disposizione Gonnelli, il quale si gioca una maglia da titolare in difesa. Dopo averlo utilizzato nelle ultime due uscite, Pazienza potrebbe accantonare il 3-5-2 per ripristinare il 4-3-3, rilanciando Neglia e Achik ai lati di Malcore.

    La Turris staziona in sesta posizione con 14 punti conquistati e un bilancio complessivo di quattro vittorie, due pareggi e quattro sconfitte, l’ultima nel precedente turno in casa per mano del Crotone. Il già citato Di Michele, reduce dall’esperienza con le giovanili del Frosinone, è già il terzo mister stagionale dopo l’esonero di Canzi ancora in fase di preparazione e le dimissioni rassegnate da Padalino seguite al ko con i calabresi. I movimenti di mercato principali hanno visto gli arrivi dei difensori Contessa e Frascatore, dei centrocampisti Taugourdeau e Ardizzone, mentre il colpo da novanta è stato l’ingaggio dell’attaccante ex Bari e Avellino fra le altre, Riccardo Maniero. In rosa c’è anche il terzino Vitiello, l’anno scorso a Cerignola nella cavalcata nel girone H di serie D. Fra gli altri nomi rilevanti, ci sono il portiere Perina, il centrale di retroguardia Di Nunzio, Giannone e Leonetti in prima linea (quest’ultimo a quota 5 nella classifica marcatori). A Di Michele il compito di dare regolarità ad un team (un punto nelle ultime tre giornate) che sicuramente può competere per le posizioni playoff, anche se quella corallina è la difesa più battuta del raggruppamento con venti reti al passivo. Ben 9 dei 14 punti della Turris sono stati conseguiti in trasferta, mentre per quanto riguarda il modulo, i napoletani potrebbero schierarsi con il 4-3-1-2.

    L’ultimo precedente risale alla serie D 2017/18: il 22 ottobre 2017 con vittoria in rimonta 3-2 dell’Audace Cerignola, con le firme di Montaldi, Carmine Marinaro e Longo. Calcio d’inizio alle ore 17.30, con la direzione arbitrale affidata al sig. Cavaliere, della sezione di Paola.