More

    HomeNotiziePolitica«I nostri ragazzi rientrano in classe, scuole costantemente monitorate»

    «I nostri ragazzi rientrano in classe, scuole costantemente monitorate»

    Pubblicato il

    “I nostri ragazzi stanno tornando a scuola ed il sistema di prevenzione e limitazione dei rischi connessi al contagio sta funzionando: ad oggi, come comunicato dai dirigenti scolastici, nei nostri istituti non si registrano casi particolari da tenere sotto controllo e le positività accertate non presentano sintomatologie severe”. Con queste parole l’assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Cerignola, Rossella Bruno, informa circa gli esiti delle interlocuzioni con i dirigenti scolastici della città e sul primo bollettino epidemiologico dedicato alle scuole. “Ringrazio i dirigenti scolastici per la collaborazione: abbiamo istituito un tavolo permanente – rimarca Bruno- per affrontare questa fase della pandemia in sicurezza e con l’obiettivo di coniugare il diritto alla salute con quello allo studio. Le scuole ci informano costantemente sulle presenze, sui contatti stretti, sui casi positivi e al momento, per fortuna, non registriamo anomalie che impongano interventi più restrittivi. In maniera diffusa, nella settimana presa in esame nelle scuole si è riscontrato una bassa percentuale di contagiati”.

    Il sindaco di Cerignola, Francesco Bonito, esprime soddisfazione per il ritorno in classe degli alunni delle scuole di infanzia e primarie che, la settimana scorsa, in maniera massiccia si erano assentati a causa del dilagare della variante Omicron. “Come comunicato dalla Prefettura di Foggia, al momento a Cerignola vi sono 1911 positivi, ma il trend sembra rallentare. Ciò che saluto con favore è il ritorno in classe degli alunni: la scuola è un momento essenziale nella vita dei ragazzi e della tenuta democratica del nostro Paese. Il virus ci impone di convivere con l’emergenza ed è per questo che, di concerto con i dirigenti scolastici, in maniera pressante abbiamo riportato i nostri figli a scuola”. “Le regole imposte dal Governo, che fanno scattare l’allerta già al primo caso positivo accertato in classe, al momento stanno reggendo. Non si può e non si deve cantare vittoria, ma – sottolinea il sindaco- serve responsabilità e attenzione sui protocolli. Monitoriamo costantemente la situazione e siamo pronti, qualora ce ne fosse bisogno, ad intervenire con ulteriori misure. La convivenza col virus è un dato di fatto, ma gli accorgimenti statali e quelli comunali ci permetteranno di superare anche questo momento delicato”, conclude Bonito.