More

    HomeNotizieAttualitàLe "fosse" preda di erbacce ed escrementi di animali

    Le “fosse” preda di erbacce ed escrementi di animali

    Pubblicato il

    Se il Piano delle Fosse granarie non pare troppo curato, le porzioni secondarie del monumento giacciono in evidente stato di abbandono. È il caso del rettangolo che affaccia tra via Pietro Mascagni e vicolo III Melfi, una zona in cui la cura e il taglio dell’erba mancano da tempo. Fango e erbacce caratterizzano un pezzo di questo presidio culturale, che ha visto rimossi anche i piloni in cemento che impedivano l’accesso alle auto.

    Le fosse granarie, monumento unico nel suo genere, patrimonio della storia e della tradizione a vocazione agricola di Cerignola, ma anche della specifica produzione di cereali che nel Tavoliere delle Puglia vedeva il centro ofantino centrale, sono passate dall’essere monumento da preservare a luogo di erbacce, deposito rifiuti e deiezioni animali. Oltre alla grande porzione centrale vi sono altri piccoli slarghi, tra cui quello citato e quello tra via Mascagni e via Santa Maria di Ripalta, attualmente ricoperto di escrementi di cane. Quel che manca, oltre la pulizia, è anche la cura del verde, il taglio dell’erba, in poche parole il decoro.

    Oggetto di recente rifacimento, l’intero Piano è stato completato a maggio del 2018, con la consegna del terzo stralcio, la parte tra via Ofanto e via Mascagni, per la quale si è previsto l’inserimento di alcune piante a fronte di un primo e secondo stralcio di lavori che non avevano previsto null’altro che un basamento realizzato con uno speciale cemento che evitasse infiltrazioni e danni alle fosse. L’idea dell’allora amministrazione era quella di realizzare un vero e proprio Parco Archeologico Urbano e di estendere i lavori anche al resto del monumento.

    Questo slideshow richiede JavaScript.

    Allo stato attuale la porzione più corposa risulta poco curata, piena di deiezioni animali; quella con le piante ornamentali poco curata; le parti limitrofe, dove insistono comunque delle fosse, mal ridotte, come si evince dalle immagini. «A sporcare sono le persone e, prima dei cani, è l’inciviltà dei proprietari degli animali – afferma seccamente un residente -. Però non è immaginabile che non si faccia nulla per pulire, che non vi sia un servizio predisposto che ogni 2 o 3 giorni si dedichi alla pulizia del Piano delle Fosse. E poi mi chiedo come mai in questa città non si taglia più il verde. Guardate gli alberi in via Pavoncelli, di fronte al Piano delle Fosse. I rami entrano nelle case. E sul Piano delle Fosse l’erba si taglia ogni due, tre mesi». Dello stesso avviso un residente di via Ofanto: «questa zona è al centro del paese, non si rendono conto di come è messa. Non passa mai di qua chi dovrebbe provvedere a far pulire?» si chiede.

    Che il Piano delle Fosse abbia vissuto tempi migliori, nei quali, almeno sotto il profilo della cura, si provava a tenerlo in uno stato degno, è un dato di fatto. Che oggi sia in uno stato non definibile decoroso è altresì vero. Il punto è che oggi urge fornire delle risposte ai residenti della zona, che richiedono semplicemente atti di ordinaria amministrazione: pulizia e decoro.

    Gennaro Balzano
    La Gazzetta del Mezzogiorno