More

    HomeNotizieAttualitàCerignola, al via il progetto Kintsugi contro la povertà educativa

    Cerignola, al via il progetto Kintsugi contro la povertà educativa

    Coinvolge un gruppo di cooperative dell’Ambito ed è rivolto a ragazze e ragazzi dagli 11 ai 17 anni, attraverso una serie di attività laboratoriali

    Pubblicato il

    È ai nastri di partenza un nuovo progetto nato con l’obiettivo di contrastare la piaga della povertà educativa fra i più giovani. Il suo nome è Kintsugi, finanziato dall’Agenzia per la Coesione Territoriale con i fondi del PNRR, e ad aderirvi è un consorzio di cooperative dell’Ambito Sociale di Cerignola: la Cooperativa Sociale “Nuova Alba” di Cerignola (capofila del progetto), la Cooperativa Sociale “Padre Pio” di Cerignola, la Scuola Professionale Salesiani-Don Bosco “CNOS-FAP” di Cerignola, l’Associazione “Non solo social” di Orta Nova e la “Misericordia” di Orta Nova. Il progetto prende il nome dall’arte Kintsugi (letteralmente “riparare con l’oro”), che vede la sua origine in Giappone nella seconda metà del 1400. Ogni qualvolta si dovevano riparare tazze o vasi rotti, i maestri ceramisti giapponesi intervenivano utilizzando materiali che avessero sull’oggetto il miglior impatto visivo possibile, in particolar modo la polvere d’oro, con risultati notevoli. Il Kintsugi viene spesso utilizzato come simbolo e metafora di resilienza, la volontà di trasformare le proprie ferite in un dono prezioso da rivolgere al prossimo.

    Nello specifico, il progetto è rivolto a ragazze e ragazzi dagli 11 ai 17 anni e prevede una serie di attività laboratoriali: teatro, musica, lettura e scrittura, sostegno ai processi di apprendimento, manipolazione creativa, informatica amica, mini impresa, educazione alla legalità e formazione continua. A coordinarlo nella sua totalità è l’avvocato Gaetano Panunzio. Per comprenderne meglio le dinamiche, siamo stati nella sede della Cooperativa “Padre Pio”. Nei locali del centro – situato a Cerignola in via Tibullo e che opera per la comunità dal 1998 – sta per avere inizio una parte importante del progetto, illustrataci da alcuni dei principali artefici. «Abbiamo deciso di parteciparvi perché da sempre lavoriamo per recuperare i ragazzi dalle strade, per recuperare diverse realtà che rischiano di andare perse col passare del tempo – spiega Kelia Dellerba, educatrice nonché docente di musica -. L’argomento della povertà educativa ci ha sempre riguardati da vicino, quindi abbiamo manifestato il nostro interesse e collaborato con altre cooperative proprio per raggiungere questo obiettivo. Vogliamo, su vari fronti e con vari laboratori, cercare di colmare il grande vuoto che la povertà educativa può lasciare». Ad entrare ancor più nello specifico di queste attività ci aiuta Francesco Quinto, educatore e volontario del centro: «Sta per prendere il via il laboratorio di creatività. Una delle interessanti attività inclusive previste dal progetto Kintsugi, parte con una meravigliosa intuizione: prendere spunto dal racconto romanzato de “La Porta della Felicità”, storia di un ragazzo autistico che, come un novello Virgilio, guida un gruppo di bambine e bambini a superare paure e disagi, per dare carattere e vita ai protagonisti attraverso la creazione di vignette a tema e la realizzazione di un musical. Il lavoro è svolto sotto la supervisione dell’artista Lorenzo Tomacelli, del regista e musicista Leonardo Lavecchia e, considerata la delicatezza degli argomenti trattati (bullismo e cyberbullismo, violenze, solitudine, dipendenze, mafie, etc.) del dott. Giovanni Dipaola, psicologo».

    «Francesco (Quinto, ndr) mi ha coinvolto parlandomi di quella che era la sua visione -racconta Lorenzo Tomacelli – e spiegandomi il mondo che voleva creare ed esplorare. Mi è piaciuta l’adozione della forma romanzata per portare avanti alcune tematiche. Dopo che Francesco mi ha illustrato la trama, sono intervenuto fornendo il mio aspetto artistico e figurativo per tradurre questa visione in immagini. La particolarità di questa storia è che non è basata su una visione fantastica, ma nasce da un’esperienza di vita vissuta. Questo racconto sarà tradotto ed utilizzato quotidianamente, non resta fine a sé stesso ma diventa uno strumento». Fornisce, infine, il suo sguardo e soprattutto il suo contributo al progetto il dottor Dipaola: «Già nel titolo “La Porta della Felicità” sono perfettamente spiegate le idee rappresentate nelle parole ‘porta’ e ‘felicità’. È un progetto che mette al centro il senso dell’inclusione, che non va mai dato per scontato, sempre in continua evoluzione e in continua ricerca di emozioni autentiche. Sappiamo benissimo come l’autenticità, quindi la capacità di avere autorità sulle proprie ombre, sia la via maestra. L’obiettivo principale sarà quello di essere autentici, di sperimentare emozioni e relazioni vere in cui sentirsi accolti e non giudicati. Facciamo questo con un grande mezzo, che è la Divina Commedia. Quest’opera diventa come un foglio bianco su cui scrivere, con un immaginario così pieno da permettere ad ognuno di incontrare il suo inconscio. È un faro sulla società moderna, sui suoi limiti, sulle sue difficoltà, con una porta aperta sulla speranza e sul suo senso».

    Il progetto Kintsugi poggia le proprie basi sul fare squadra, affinché tutti gli attori coinvolti diano luogo ad attività la cui energia non si disperda alla fine di un percorso della durata di un anno, e che invece faccia convergere tutti questi sforzi in un’unica direzione, lasciando qualcosa che resti davvero nel tempo.

    Ultimora

    A Cerignola ed Orta Nova due panchine gialle contro bullismo e cyberbullismo

    L'inaugurazione a Cerignola e Orta Nova di due panchine gialle, simbolo di sensibilizzazione contro...

    “No smoking be happy”: torna a Cerignola l’evento dedicato alla prevenzione del fumo

    Il 30 e 31 maggio, in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco, l'associazione Costruire,...

    “Favugne. Storia di mafia foggiana”, domani la presentazione del libro a Cerignola

    All’interno de Il Maggio dei Libri, la biblioteca di comunità di Cerignola in collaborazione...

    Da oggi anche a Cerignola attivo il numero unico di emergenza 112

    A partire da oggi 28 maggio il nuovo numero unico di emergenza 112 sarà...

    Rianimazione all’ospedale di Cerignola, nessuna chiusura ma aumento posti

    Non ci sarà nessuna chiusura della Rianimazione a Cerignola, al contrario, nel pieno rispetto...

    La Fighters Dibisceglia-Colucci trionfa ai Campionati Europei WMAC di San Marino | Video

    Oltre 1600 atleti provenienti da ogni angolo d'Europa, diversi team e squadre nazionali, un...

    Altro su lanotiziaweb.it

    A Cerignola ed Orta Nova due panchine gialle contro bullismo e cyberbullismo

    L'inaugurazione a Cerignola e Orta Nova di due panchine gialle, simbolo di sensibilizzazione contro...

    “No smoking be happy”: torna a Cerignola l’evento dedicato alla prevenzione del fumo

    Il 30 e 31 maggio, in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco, l'associazione Costruire,...

    “Favugne. Storia di mafia foggiana”, domani la presentazione del libro a Cerignola

    All’interno de Il Maggio dei Libri, la biblioteca di comunità di Cerignola in collaborazione...