More

    HomeNotizieAttualitàCerignola, presentato in Comune l’Osservatorio sui beni confiscati della città

    Cerignola, presentato in Comune l’Osservatorio sui beni confiscati della città

    Frutto di un processo partecipato, è stato presentato dalla cooperativa Altereco a conclusione del progetto “Coltivare la legalità”

    Pubblicato il

    La proposta di un Osservatorio sui beni confiscati della città di Cerignola frutto delle proposte emerse negli incontri, nei laboratori e nei workshop che in questi mesi hanno animato la comunità, coinvolgendo cittadini, terzo settore, istituzioni, imprese e mondo del volontariato. Ed in particolare, gli alunni e le alunne di alcune istituzioni scolastiche di Cerignola: l’ITET “Dante Alighieri”, l’IISS “Giuseppe Pavoncelli” e il liceo scientifico “Albert Einstein” di Cerignola. Si è concluso ieri pomeriggio, nella saletta Consiliare del Comune di Cerignola, con la consegna del documento nelle mani del sindaco, Francesco Bonito, e dell’assessora ai Servizi Sociali e vice-sindaco, Maria Dibisceglia, il processo partecipato promosso dalla cooperativa sociale Altereco nell’ambito del progetto “Capitanata attiva, coltivare la legalità!”.

    Nel corso dell’incontro, quindi, è stata presentata da Dora Giannatempo, della cooperativa Altereco, insieme ad Antonio Cocco, direttore del consorzio Oltre/la rete di imprese, la proposta sul riutilizzo e assegnazione dei beni confiscati alla mafia emersa dagli incontri di questi mesi e che può diventare strumento da adottare sia dal Comune di Cerignola sia dalla Regione Puglia. Tra i compiti principali dell’Osservatorio – inseriti nella proposta consegnata – quello «di favorire la progettazione partecipata intorno alla rifunzionalizzazione sociale e culturale dei beni confiscati e confiscati alla mafia, di studiare e contrastare i fenomeni criminali, nella loro complessa articolazione e organizzazione, nel territorio di Cerignola (anche in un’ottica sovra territoriale). Compito primario dell’Osservatorio è, pertanto, costruire progettualità e partecipazione sociale contro il crimine organizzato in convenzione con soggetti pubblici e privati operanti in piena concordanza con lo spirito dell’antimafia sociale».

    «È stato un percorso non semplice, complesso ma portiamo a casa un modo diverso di pensare i beni confiscati. Un arcipelago polifunzionale che generi nuove idee di impresa e soddisfi i bisogni sociali, aggregativi e soprattutto lavorativi del nostro territorio – spiegano dalla cooperativa Altereco -. I partecipanti al processo rappresentano un target trasversale della nostra città e ci hanno donato punti di vista inediti. I giovanissimi sono stati esplosivi. Abbiamo condiviso il documento e consegnato nelle mani del sindaco Francesco Bonito con l’assessore ai servizi sociali Maria Dibisceglia la nostra idea di osservatorio sui beni confiscati. Uno strumento utile a tutti i cittadini, aperto, trasparente, inclusivo che metta al centro i cittadini. Ora attendiamo la call dell’Amministrazione perché è necessario fare fiorire quanto seminato: l’Osservatorio è uno strumento necessario di monitoraggio civico ed i cittadini sono pronti».

    Durante la presentazione, l’alunna Elisa Caggiano, del liceo “Einstein”, accompagnata da una rappresentanza di studenti delle due classi, ha letto l’articolo “Coltivare la legalità”, composto da lei e ispirato da questa esperienza didattica. Inoltre, il buffet ed i servizi di sala sono stati affidati alle studentesse dell’alberghiero “Pavoncelli”, ingaggiate con il loro primo contratto di lavoro dagli organizzatori dell’evento, Samantha Caputo e Maria Sciancalepore della VB corso diurno e Rosa Casanova della 3A corso serale. Il progetto è stato finanziato dall’Avviso pubblico “Puglia Partecipa”, per la selezione di processi partecipativi da ammettere a sostegno regionale nell’ambito del Programma annuale della partecipazione della Regione Puglia, che invita i cittadini ad accedere a spazi di confronto costruttivi che consentono di prendere parte alle decisioni pubbliche. Attraverso workshop, laboratori, momenti di formazione, l’obiettivo dell’iniziativa era quello di valorizzare spazi di comunità, generando una cultura di antimafia sociale tesa ad analizzare i bisogni della città, elaborare proposte di riqualificazione di luoghi pubblici, nello specifico sui beni confiscati alle mafie. Ieri, dunque, l’atto finale con l’elaborazione di una proposta partecipata sottoposta all’Amministrazione Comunale e sottoscritta dai numerosi partecipanti presenti.

    Questo slideshow richiede JavaScript.

    Ultimora

    Settimana mondiale dell’Immunizzazione: le iniziative della Asl Foggia

    In occasione della Settimana Mondiale dell’Immunizzazione che quest’anno ricorre dal 24 al 30 aprile,...

    Come applicare il mascara: ecco alcuni segreti

    Il mascara è un prodotto cosmetico che può davvero dare risalto ai nostri occhi,...

    Poste Italiane: i consigli ai cittadini della provincia di Foggia per operare online in sicurezza

    È disponibile anche per i cittadini della provincia di Foggia un vademecum per operare...

    “La porta della felicità”, a Cerignola via agli incontri nelle scuole

    Inizierà il 23 aprile, presso il IV Circolo Didattico Statale “Cesare Battisti”, il percorso...

    Pallavolo Cerignola ed Flv domani entrambe impegnate in trasferta

    Un altro sabato in campo e in trasferta per entrambe le formazioni cerignolane impegnate...

    Foggia-Audace, vietata la vendita dei biglietti ai residenti di Cerignola

    Dopo la riunione del Gos, in seguito alla segnalazione dell'Osservatorio delle Manifestazioni sportive e...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Settimana mondiale dell’Immunizzazione: le iniziative della Asl Foggia

    In occasione della Settimana Mondiale dell’Immunizzazione che quest’anno ricorre dal 24 al 30 aprile,...

    Come applicare il mascara: ecco alcuni segreti

    Il mascara è un prodotto cosmetico che può davvero dare risalto ai nostri occhi,...

    Poste Italiane: i consigli ai cittadini della provincia di Foggia per operare online in sicurezza

    È disponibile anche per i cittadini della provincia di Foggia un vademecum per operare...