More

    HomeEditorialeTre emergenze, un solo silenzio

    Tre emergenze, un solo silenzio

    Pubblicato il

    Una città, 58mila abitanti e un territorio vastissimo. Questo lo sfondo su cui si muovono i tanti problemi di un paesone che, come tante altri, è costretto a confrontarsi costantemente con i mala tempora. Tanti problemi appunto, ma anche un tessuto industriale importante. Molta storia gloriosa ma anche diverse emergenze. Tra queste tre in particolare: casa, lavoro, sicurezza. Su tutte il silenzio.

    Ogni giorno giungono mail, segnalazioni dai social e telefonate tutte incentrate sull’emergenza abitativa; storie di famiglie che non hanno un tetto e sono costrette a vivere in macchina o per strada. C’è chi la casa l’ha “persa” per varie ragioni e chi non se la può permettere. Storie di povertà, perché, come dicono in molti «non c’è lavoro». Ed ecco la seconda triste emergenza. Laddove il “nero” trova terreno fertile e i diritti si calpestano senza alcuna remora. Le opportunità si riducono e i gesti estremi diventano l’unica via. A questo punto anche rubare, per alcuni (non si vuole ovviamente giustificare il gesto, ndr), diventa il modo per tirare avanti. E una città che non offre opportunità non riesce neanche a contrastare i fenomeni criminali e a garantire la sicurezza.

    Esiste un filo rosso che tiene insieme (non sempre ma molto spesso) le tre emergenze più importanti del momento. Ed esiste anche un atteggiamento, quello del silenzio, che prova a “nascondere”. Sia ben inteso che è silenzio anche far finta di parlarne e poi lasciar cadere nel vuoto il problema. Le misure messe in atto dalla politica evidentemente sono risultate insufficienti a offrire risposte concrete alla città. Per questo l’impegno di politici e amministratori locali dovrà necessariamente rivolgersi verso (almeno) il tentativo di dar risposte ai cittadini. In caso contrario, si potrà anche esser Gesù in terra ma non basterà. La folla, ovvero i cittadini, sceglieranno Barabba.

    1 COMMENT

    1. AMICO,MA LA VOGLIAMO SMETTERE UNA VOLTA PER TUTTE DI DIRE FESSERIE? NON ESISTONO A CERIGNOLA 58.000 ABITANTI NON CI SONO MAI STATI,SMETTETELA DI DARE NUMERI INESISTENTI.

    Comments are closed.

    Ultimora

    A Cerignola ed Orta Nova due panchine gialle contro bullismo e cyberbullismo

    L'inaugurazione a Cerignola e Orta Nova di due panchine gialle, simbolo di sensibilizzazione contro...

    “No smoking be happy”: torna a Cerignola l’evento dedicato alla prevenzione del fumo

    Il 30 e 31 maggio, in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco, l'associazione Costruire,...

    “Favugne. Storia di mafia foggiana”, domani la presentazione del libro a Cerignola

    All’interno de Il Maggio dei Libri, la biblioteca di comunità di Cerignola in collaborazione...

    Da oggi anche a Cerignola attivo il numero unico di emergenza 112

    A partire da oggi 28 maggio il nuovo numero unico di emergenza 112 sarà...

    Rianimazione all’ospedale di Cerignola, nessuna chiusura ma aumento posti

    Non ci sarà nessuna chiusura della Rianimazione a Cerignola, al contrario, nel pieno rispetto...

    La Fighters Dibisceglia-Colucci trionfa ai Campionati Europei WMAC di San Marino | Video

    Oltre 1600 atleti provenienti da ogni angolo d'Europa, diversi team e squadre nazionali, un...

    Altro su lanotiziaweb.it

    A Cerignola ed Orta Nova due panchine gialle contro bullismo e cyberbullismo

    L'inaugurazione a Cerignola e Orta Nova di due panchine gialle, simbolo di sensibilizzazione contro...

    “No smoking be happy”: torna a Cerignola l’evento dedicato alla prevenzione del fumo

    Il 30 e 31 maggio, in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco, l'associazione Costruire,...

    “Favugne. Storia di mafia foggiana”, domani la presentazione del libro a Cerignola

    All’interno de Il Maggio dei Libri, la biblioteca di comunità di Cerignola in collaborazione...