Figlio di braccianti agricoli, sicuramente ricordato come una delle figure più importanti in Italia, moriva il 3 Novembre del 1957 Giuseppe Di Vittorio. Il nostro ricordo, e quello di tutti i cerignolani, a 58 anni dalla sua dipartita, rende ancor più vivo il suo insegnamento. Studiava sottraendo a se stesso ore di riposo notturno, poiché costretto al lavoro di famiglia. La grande passione per la lettura e per l’attività politica, sin dall’età adolescenziale, lo portarono già nel 1911 ad esser nominato dirigente della Camera del Lavoro di Minervino Murge, per poi approdare poco tempo dopo a quella più importante e blasonata di Bari. Si è sempre battuto per i diritti dei lavoratori fin dai suoi primi passi come sindacalista.

La questione meridionale, sempre in primo piano specie a quei tempi, portò il giovane Peppino a far parte dell’Unione Sindacale Italiana, precisamente nel comitato nazionale. Visse la prima guerra mondiale alleandosi con gli interventisti, e non perse mai di vista la questione della classe operaia, dei suoi diritti e della lotta contro i soprusi. Negli anni venti del novecento entra attivamente in politica, eletto deputato nonostante la condanna del tribunale speciale fascista, riparandosi poi in Francia. Nella seconda guerra mondiale prese parte alla Resistenza tra le fila delle Brigate Garibaldi.

Nel 1945 fu eletto segretario della CGIL, da egli stesso fondata un anno prima con Grandi e Buozzi. Un anno più tardi entra a far parte dell’Assemblea Costituente come esponente del PCI. I grandi successi come sindacalista, la sua enorme coerenza, dimostrata in più occasioni, dall’attentato a Palmiro Togliatti fino all’intervento sovietico per la repressione ungherese, fecero crescere la sua fama di uomo politico vicino ai problemi degli operai, e lo portarono nel 1953 alla Presidenza della Federazione Sindacale Mondiale. Continuò a guidare in modo attivo il suo sindacato, CGIL, fino al 3 novembre del 1957, quando si spense a Lecco.

La testimonianza dei tanti compaesani cerignolani che lo ricordano personalmente o nelle parole dei parenti più anziani, colora ogni volta la figura di Peppino Di Vittorio, come il più grande sindacalista d’Italia, colui che diede voce e diritti agli operai, colui che per la prima volta introdusse lo sciopero come arma di dissenso verso il potere, reo di non curare i mali del paese e del mezzogiorno intero, colui che in rappresentanza dei “cafoni” del sud insegnò i diritti dei lavoratori al Mondo intero. Oggi in Italia, e in particolare a Cerignola, manca tantissimo una figura come Peppino, guida e padre dei diritti dei più deboli.

  • Grande fratello

    Abbiamo Elena Gentile ……

    • Sabbino

      Gocc a ghedd!!!!!

  • Francè

    Voi del PD e della CGIL avete tradito i principi di Giuseppe Divittorio, vergognatevi.

    • Bandiera Rossa

      Pienamente d’accordo con Lei!!!!! E’ una vergona!!!!!!! Hanno tradito i veri valori del socialismo!!!!!! Corrotti e venduti ai padroni!!!!!!

  • Ispanico

    L’unico politico di Cerignola che ha parlato degnamente e in maniera competente dell’anniversario della morte di Giuseppe Di Vittorio è l’avvocato Francesco Disanto. Bravo Francesco sempre innovativo e davanti a tutti. Complimenti.

  • divittorio

    tutti i politici di oggi non devono neanche nominarlo il grande DI VITTORIO.

    • Ispanico

      Ti sbagli. Tutti tranne uno, l’avvocato Disanto. E’ l’unico che già nel 1996 ha pubblicato uno dei più interessanti libri scritti su Giuseppe Di Vittorio. Si trova in tutte le biblioteche d’Italia e addirittura Salvatore Tatarella e Rossella Rinaldi fecero da testimoni e promotori della presentazione presso il Comune del prestigioso volume. Informatevi prima di parlare, come al solito a vuoto. Poi per quanto riguarda la moralità, l’altruismo e la preparazione l’avvocato Disanto é sicuramente superiore a tutti i politici contemporanei. Sono altri che devono zittirsi.

  • Corrado Berti

    Grande UOMO del passato, onore a Lui!!!! Tali figure non esistono più!!!!!