More

    HomeNotizieCronacaResponsabile di Ortopedia: "ecco come un episodio di normale e buona sanità...

    Responsabile di Ortopedia: “ecco come un episodio di normale e buona sanità si trasforma in malasanità per arroganza e malcostume”

    Pubblicato il

    Giunta in redazione, abbiamo ritenuto indispensabile, per una corretta e completa informazione, pubblicare la lettera che segue, a firma Francesco Tampone, responsabile caposala di Ortopedia, il quale tiene a specificare alcuni passaggi dello spiacevole evento accaduto giorni fa. Si fa riferimento alla lettera del cittadino che illustrava quanto capitato al Pronto Soccorso ad una famiglia recatasi per medicare un trauma al dito dovuto da uno schiacciamento subito dal loro bambino. Ci sembra opportuno dare voce anche alla controparte per provare a fare luce sulla verità di quel giorno. Ecco il documento completo.

    QUANDO UN EPISODIO  DI “NORMALE” BUONA SANITA’ VIENE “TRASFORMATO IN “MALASANITA’”…. DALL’ARROGANZA E DAL MALCOSTUME!

    La lettera degli Operatori Sanitari

    Come Operatori Sanitari da sempre impegnati nella tutela, salvaguardia e cura della salute collettiva, vogliamo con la presente rispondere ad una mail pubblicata sul vostro giornale, per rispondere a calunnie infondate e diffamatorie tendenti a denigrare il professionale operato di medici e infermieri; in merito alla lettera di un cittadino, riguardo un’episodio verificatosi in data 17 Giugno scorso, allorchè un bambino di 3 anni accompagnato dai genitori, si presenta in reparto per un trauma da schiacciamento dell’estremità del dito indice, già medicata in pronto soccorso. Gli stessi si presentarono infatti presso il reparto sforniti di documentazione radiografica da cui fosse possibile evincere il tipo di lesione e pertanto consentire la diagnosi e il trattamento, e sforniti della necessaria richiesta di consulenza, in quanto avevano ritenuto così facendo di “abbreviare i tempi”! Pur rimanendo solidali e comprendendo il dolore e lo stato di agitazione che in momenti come questi e specialmente di fronte a bambini piccoli può ingenerare uno stato di agitazione e condurre a considerazioni affrettate e forvianti, il personale Sanitario con la presente tiene, a riportare esclusivamente i “fatti come realmente accaduti” e come testimoniati e documentati cronologicamente. Infatti, così come è possibile evincere dagli orari riportati nei referti d’accesso e di dimissione, nel giro di 45 min, circa il bimbo ha svolto: 1) consulenza di pronto soccorso in cui è stato medicato, 2) ha eseguito le radiografie, inoltre 3) ha eseguito la consulenza specialistica Ortopedica con valutazione della lesione, disinfezione, medicazione e apposizione di stecca d’immobilizzazione e 4) dimesso dal P.S. con indicazione precisa a recarsi presso un centro specializzato; il tutto in un momento di grande criticità dei servizi,

    Gli operatori della U.O. di Ortopedia hanno provveduto pertanto in tempi brevissimi a svolgere quanto di pertinenza, con la professionalità e con modi di fare che sono “realmente” e facilmente riscontrabili dalle numerose lettere e attestazioni di stima e riconoscenza, presenti in bacheca e consultabili da chiunque nel reparto; e tutto questo nonostante le continue parole offensive e aggressive rivolte sin dall’ingresso in reparto dai genitori, nei confronti degli operatori sanitari di Pronto Soccorso e d’Ortopedia e protrattesi per tutto il tempo di permanenza in reparto, alla presenza di testimoni.

    Altresì ribadiamo di essere, come sempre, a disposizione e vicini a quanti soffrono, per offrire supporto, e conforto, ma senza alterare la realtà dei fatti, infamando la professionalità del personale e di una  struttura d’eccellenza che da anni si adoperano per la salute e il bene pubblico; e che se l’umanità e la professionalità esistono ancora, questi sono di casa proprio presso il nostro Ospedale. Basta solo saper guardare, con umiltà, senza arroganza e con la giusta educazione e rispetto, senza alterare i percorsi previsti di Triage, diagnosi e trattamento, spesso con l’intento e il malcostume di non “rispettare” le priorità, né tantomeno con minacce e offese personali e professionali, senza alterare una realtà dei fatti, ben chiara e documentata.

    Con la presente si ringrazia la redazione de “lanotiziaweb.it” cui rinnoviamo l’apprezzamento per il loro operato finalizzato ad un’informazione corretta.

    26 COMMENTS

    1. Belle parole, certo. Peccato che avete omesso un piccolo particolare, cioè l’amputazione del dito che doveva essere praticato, secondo la vostra diagnosi. Meno male che i genitori sono andati via….
      Antonio

    2. Nn ci sono dubbi sul fatto che una minoranza di impiegati pubblici faccia iil proprio lavoro con passione e dedizione come nn cisono dubbi che una minoranza di cittadini sia maleducata e prepotente!
      Ma nno ho dubbi sul fatto che chi ha scritto quests mail sia un responsible Faccia di bronzo di un ente pubblico che cerca di difendere il proprio operato.
      Tempo fa ho assistito io al pronto soccorso di Cerignola a una lite tra medici e inservienti sul fatto che si era creata una lista di attesa lunga fra gli assistiti pare xchè nn erano pronte le lastre . Un medico si incavola allora xchè viene informato che le lastre erano invece pronte ma nn venivano ancora visionate dal medico di turno e x questo nn venivano consegnate giù al pronto soccorso e di qui inizia a elencare una serie di imprecazioni contro una gestione sanitaria del cavolo il cui unico scopo è quello di inserire in organico dottorini inetti e raccomandati.
      Infatti chiunque indaghi troverà una lista di nomi conosciuti tra medici e infermieri.
      Noi cittadini dovremmo fare avviare un comitato che vigili sull operato di questi parassiti e in base al loro operato decidere se continuare a farli lavorare o mandarli a casa!
      e basta con questa storia della maleducazione ! in certi caso servirebbe prorpio la violenza fisica!!!
      Ne abbiamo le scatole piene di voi parassiti pubblici !! O lavorate o andate a casa o a zappare sotto gli alberi di olivo!
      E questo giorno sta per arrivare!
      Ps vorrei vedere se per il figlio di chi ha scritto questa ripugnante mail sarebbe stato adottato lo stesso iter procedurale! Stai zitto che è meglio!

    3. Punto primo:non siamo persone ne’ maleducate e tantomeno arroganti. Avrei gradito una firma su questa lettera, perché a scrivere e’ il reparto. Complimenti, poi se accadono incidenti, l’infermiere scostumato ci dice che nel reparto non c’e’ nessuno. Io non ho inventato nulla. Anzi, ho anche omesso particolari vergognosi, tipo la richiesta fatta dal dottore per l’ospedale di Foggia che ha fatto ridere il pronto soccorso di Foggia, in quanto con la vostra professionalizza’ non siete a conoscenza che a Foggia nel reparto di chirurgia plastica non esiste dottore pronto ad intervenire per consulti.
      Io stesso ho elogiato nei commento altri reparti quali pediatria e otorino. E forse non avete ancora capito che quello che ci ha offesi e’ stata la mancanza di umanità da parte dell’ infermiere dell’ortopedia.
      A me dispiace molto non sapere il nome e cognome della persona dell’ ospedale che ci ha accompagnati nel reparto.E cerchero’ di saperlo, ma solo per ringraziarlo. Ma quali testimonianze avete voi che nel reparto non vi era nessuno? La nostra e’ stata una lettera pubblicata solo per fare da sprono a tutti i cittadini onesti e non arroganti a denunciare questi avvenimenti. Comunque io mi chiamo Giuseppe Colopi e se volete posso anche riferire a tutti i nomi e cognomi delle persone, dottori, infermieri e guardie giurate presenti in quel giorno e li sfido a testimoniare il contrario di cio’ che e’ accaduto. Questa e’ la prova che se un cittadino si lamenta viene definito ARROGANTE. COMPLIMENTI. Io il mio nome e cognome lHo scritto, ora scrivete il vostro.

    4. come fate a difendere un reparto di cui è risaputo che è uno dei peggiori in uno dei peggiori nosocomi della puglia? in quel ospedalaccio c’è una pazza che vorrebbe curare gli incidenti stradali con le erbe curative., un chirurgo che ha paura del sangue e si è laureato col minimo dei voti e infine “dulcis in fundo” c’è un altro chirurgo che quando opera, usa una polvere bianca e non è borotalco. andate ad acquaviva delle fonti per esempio, ospedale gestito dalla Chiesa e rendetevi conto di chi veramente lavora. lavativi, incapaci, raccomandati, semplicemente inutili!

    5. Ma se nella bacheca ci sono tanti elogi, il vostro personale e’ impeccabile, perke’ mandate un bimbo a Foggia per qualcosa che voi dite ti saper fare bene? Gli arroganti siete voi. Anziché perdere tempo a scrivere mail assurde, andate a fare bene il vostro lavoro.

    6. sapete solo parlare però la verita la possiamo dire noi,è dal 6 giugno che vado avanti e dietro per ospedale , una volta mi dicono che nn ho frattura , e mi fanno stare 15 giorni senza gesso , poi dopo 15 giorni ritorno e dicono tu hai una frattura nn puoi camminare cosi((frattura al malleole caviglia)regolatevi dove viviamo .

    7. Gli stessi si presentarono infatti presso il reparto sforniti di documentazione radiografica da cui fosse possibile evincere il tipo di lesione e pertanto consentire la diagnosi e il trattamento, e sforniti della necessaria richiesta di consulenza, in quanto avevano ritenuto così facendo di “abbreviare i tempi”!

      MI SCUSI EGREGIO DOTTORE, LEI HA SCRITTO QUESTE PAROLE….
      SECONDO LEI UNO DEVE STARE A CERCARE RADIGORAFIE, CERTIFICATI O QUANT’ALTRO E FARSI FARE LA PRESCRIZIONE DA UN MEDICO DI BASE SE ALL’IMPROVVISO UN BAMBINO SI SHCIACCIA UN DITO O SUCCEDE ALTRO? MA COSA DICEEEEEEEEEEEEE????????
      4 ANNI FA QUANDO MIO PADRE ERA IN RIANIMAZIONE (PER 30 GIORNI) DALLE PORTE DIFRONTE ALLA CUCINA GIORNALMENTE UN MEDICO USCIVA CON IL SUO MOTORINO “ACCENDENDOLO” LUNGO I CORRIDOI COME SE FOSSE UNA NORMALE STRADA….
      CI SONO LE CUCINE, LA RIANIMAZIONE, LA SALA MORTUARIA, LA GENTE….
      MEGLIO TACERE NO?

    8. c’e’ solo un modo per esprimere l’indigniazione di quello che accade all’ospedale di Cerignola… NON ANDARCI!

    9. quante stupidaggini…quando si commenta un articolo, come minimo si cerca di comprendere il testo. Mi chiedo se chi ha commentato questo inciso abbia capito cosa ci sta scritto: “Gli stessi si presentarono infatti presso il reparto sforniti di documentazione radiografica da cui fosse possibile evincere il tipo di lesione e pertanto consentire la diagnosi e il trattamento, e sforniti della necessaria richiesta di consulenza, in quanto avevano ritenuto così facendo di “abbreviare i tempi”!”. Il sig Tampone si riferisce al fatto che il P.S. avrebbe dovuto completare il suo iter, mentre invece i genitori si sono mossi per proprio conto, recandosi in reparto, così ritenendo di anticipare i tempi, e dunque erano privi della documentazione radiografica.
      Nella foga di sparare a zero sull’operato altrui, a volte si dimenticano le proprie responsabilità. E questo vale per tutti, specie per chi fomenta reazioni violente verso gli operatori sanitari. Cerignola ha già visto un giovane medico ucciso in corsia. Vergogna!! Prima di alimentare violenza, connettete il cervello alla bocca, sempre che ne abbiate uno.

      • Caro/a PET qui nessuno vuole ammazzare nessuno! ( al massimo sono solo questi fantomatici sanitari che ammazzano o mandano al macello i pazienti con la loro inettitudine). Parlo per me, i cui collegamenti tra cervello (si ritiene che ne abbia abbastanza e ben funzionante) e bocca sono a posto, io li manderei a casa questi inetti alla vita!
        Incito tutto gli onesti cittadini a vigilare e ad insistere ed urlare affinchè i propri diritti e quelli dei propri cari non vengano calpestati da gente fannullona e inetta! e non parlo solo dell’ospedale di Cerignola ma di tutti i luoghi in cui l’80 % della gente che lavora e li per favori politici!!
        qualche settimana fa ho prestato il mio telefono a persone che subivano in silenzio senza protestare per richiedere l’intervento della polizia presso la sede della USL di cerignola (altro covo di rifugiati). Dopo l’intervento della polizia chissà per quale motivo magicamente si sono aperte le porte dell’ufficio dove il povero addetto carico di lavoro e madido di sudore in 3 minuti ha risolto la mia pratica che da due settimane e chissà per quanto tempo sarebbe andata avanti. Se io non avessi avuto ragione e assieme con me non ci fossero state altre persone con il mio stesso problema sicuramente quelle porte sarebbe rimaste chiuse.
        Questa è la mia incitazione: Cari cittadini fatevi rispettare anche urlando!!

    10. Imbecille ma se al reparto li ha accompagnati il dottore del pronto soccorso? Sei tu che non hai letto bene l’articolo del cittadino. Buffone/a nessuno vuole ammazzare i dottori, ke sono sacri
      sei tu che non hai compreso la lettera del cittadino. Vattela a rileggere. Tampone dice calzate. A meno che non vi era lui quel giorno.

    11. NON VOGLIAMO VIOLENZA, VOGLIAMO COMPETENZA E NON RACCOMANDANTI CHE STANNO LI SOLO PER LO STIPENDIO.

    12. Complimenti!! i soliti trogloditi cerignolani, sanno solo ragionare a “capacchiate”.
      Decerebrati allo stato puro.

      • Il petting confinalo nei tuoi rapporto privati!!!
        é anche colpa delle persone come te se viviamo con la M fin sotto il collo

    13. ma voi siete a conoscenza delle condizioni di lavoro degli operatori sanitari a Cerignola?? Sapete delle aggressioni che subiscono quotidianamente?? Lo sapete che un qualsiasi delinquente può entrare liberamente, anche armato?? E allora?? Sarebbe bello che tutta questa indignazione civica fosse rivolta anche a chi sta al potere e ci strozza ogni giorno, e non sul primo “fesso” che capita a tiro.
      Indignati?? no, coxxxoni e basta.

    14. ma se avete tutti questi problemi all’ospedale ribellatevi……non lo fate? e grazie siete tutti o quasi raccomandati mica sputate sulla mano che vi ha dato uno stipendio fisso……

    15. In relazione all’ultima serie di commenti postati,raccomandiamo agli utenti di utilizzare un linguaggio appropriato alla discussione. Così facendo,con improperi ed insulti,invece di imbastire un confronto costruttivo che sia anche occasione di crescita e opportunità di risoluzione dei problemi,si cade nell’offesa e nella denigrazione. Ci affidiamo al vostro buonsenso,altrimenti al prossimo insulto saremo costretti a chiudere i commenti per quest’articolo. Grazie,staff

    16. il tuo post sembra tutto tranne che ironico, o “sdrammatizzante”!! Rileggiti, prima di dare del “poco intelligente” al tuo interlocutore. Se ti sei sentito offeso per il “decerebrato”, beh..non era rivolto a te ma a chi aveva risposto prima di te. Evidentemente la M a te non è arrivata solo “sotto al collo”….ma ben oltre!!!

    17. noto con disgusto che voi operatori sanitari vi accanite contro chi si ribella. Con il vostro essere a tutti i costi “TOTALITARI E DITTATORI” cercate una soluzione per evitare certi disagi ai cittadini. Il vostro modo di essere è consono solo in Talebania ed Iraq

    18. bella questa……… i soliti cerignolani !!!!!!!!!!!!! perchè tu di che paese sei ????????? Spero per te che non sei cerignolana, altrimenti ti dico di non sputare sul piatto in cui mangi…. Bella, il tuo stipendio lo paghiamo noi decerebrati cerignolani

    19. Allo staff!!
      Cambiate titolo all’articolo. Come giornale politico no fate come al solito …una botta al cerchio e una botta alla ruota.
      Mettetevi dalla parte di chi ha poca voce come gli onesti cittadini!!e sfruttate anche chi vi sovvenziona … tanto non può raccomandarvi tutti!!!! quindi fate gioco comune con chi sta nella vostra stessa Barca!!!
      Denunciate i sorprusi di questi INETTI che stanno rovinando il nostro Belpaese e non copriteli (e non solo Cerignola)

      • All’utente Bluunash, alcune piccole precisazioni. Punto primo: è altamente scorretto confrontarsi con chi si nasconde dietro l’anonimato e scrive delle gravi esternazioni come quelle riportate nel suo commento precedente, per le quali ci riserveremo di agire nelle sedi competenti. Punto secondo: il titolo dell’articolo rimane tale, non crediamo che una regola del giornalismo sia di farsi dettare i titoli dai lettori (i quali possono condividere o meno), ma rendiamo conto a noi stessi e al direttore. Punto terzo: i presunti finanziamenti politici. Se ha delle concrete prove di ciò, caro utente anonimo, le avanzi e ne discuteremo; altrimenti a nostro modesto avviso, questa si chiama CALUNNIA bella e buona. Il nostro giornale è diventato il primo (ed unico) quotidiano on line cittadino non perchè diamo “una botta al cerchio e una botta alla ruota”, bensì grazie ai contenuti e alle notizie fornite ai lettori. In tanti, politici e non, lettori e frequentatori occasionali, si stanno complimentando con noi per il lavoro che facciamo, e tra le caratteristiche spesso menzionate vi sono l’IMPARZIALITA’ e la CORRETTEZZA (e non si tratta di un incensarsi da soli, questa sì che è verità). Forse, caro Bluunash, si confonde; ma il nostro lavoro (non facile a dirsi in una città come la nostra) è completamente GRATUITO, ed anzi, ci rimettiamo di tasca nostra qualcosa solo ed unicamente per la grande passione che ci anima verso il giornalismo. Dunque, niente sovvenzioni, niente “raccomandati” da sistemare. Punto quarto:da alcuni giorni, come avrà notato visto che i suoi commenti sono presenti in diversi articoli, stiamo dando spazio a delle denunce su cosa non va nella nostra Cerignola fornite da lettori come lei, (che rendono merito al nostro agire, non certo infangando). L’articolo in questione era doveroso pubblicarlo in relazione a quanto uscito sul nostro giornale giorni addietro e non ha, come lei insinua, secondi fini. Il nostro dovere è di raccontare fatti così come accaduti, lasciando al lettore (unico, vero ed ultimo destinatario) la facoltà di costruirsi un’opinione sugli stessi. Noi stiamo provando, per quel poco che possiamo, a denunciare ciò che non è a posto nella Città, dando spazio anche a cittadini stanchi che segnalano determinate situazioni. Se anche lei, ma non in forma anonima, denuncerà qualcosa, stia pur certo che saremo al suo fianco e ad informare sui “soprusi”, misfatti e quant’altro. Tanto dovevamo per chiarezza e dovere di cronaca e di realtà, date le sue pesanti accuse. E visto che discussioni concrete e foriere di spunti senza offese gratuite e sproloqui non si riescono ad avere (per far crescere e risolvere problemi che affliggono la Cerignola da noi, da lei da tutti vissuta ed amata), chiudiamo qui la discussione. Grazie, staff

    Comments are closed.

    Ultimora

    Olio e contraffazioni, Sicolo: “Il sistema dei controlli un fiore all’occhiello”

    “L’operazione dei Carabinieri contro il falso extravergine e l’olio colorato con la clorofilla è...

    Cerignola, le importanti novità su raccolta e smaltimento dei rifiuti con Teknoservice

    Con l’aggiudicazione definitiva della gara d’appalto per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti...

    Cibo e abbronzatura: quali sono i cibi per una pelle abbronzata uniforme e intensa?

    L’estate è arrivata e come ogni anno, insieme a lei, la corsa all’abbronzatura perfetta,...

    Beach Soccer Tour a Cerignola, presentato il programma degli eventi

    È stato presentato oggi il ricco programma di eventi che accompagneranno i cerignolani durante...

    Cerignola, la Polizia ha eseguito altri quattro arresti per le rapine ai bancomat

    La Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti...

    Cerignola, un “World Cafè” per parlare di violenza sulle donne: quando il nemico è a casa

    Si svolgerà venerdì 12 luglio 2024 alle ore 18.00, a Cerignola presso Caffè Roosevelt (Viale...

    Altro su lanotiziaweb.it

    Olio e contraffazioni, Sicolo: “Il sistema dei controlli un fiore all’occhiello”

    “L’operazione dei Carabinieri contro il falso extravergine e l’olio colorato con la clorofilla è...

    Cerignola, le importanti novità su raccolta e smaltimento dei rifiuti con Teknoservice

    Con l’aggiudicazione definitiva della gara d’appalto per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti...

    Cibo e abbronzatura: quali sono i cibi per una pelle abbronzata uniforme e intensa?

    L’estate è arrivata e come ogni anno, insieme a lei, la corsa all’abbronzatura perfetta,...