La Ecolav srl e il sig. Luigi Caiaffa informano la cittadinanza di aver inoltrato al Comando Provinciale dei Carabinieri e alla Procura della Repubblica di Foggia una documentata querela per diffamazione aggravata contro i signori Bevilacqua Gerardo, Virgilio Gerardo, Virgilio Michele e Tarantino Gerardo e quanti altri abbiano concorso, a diverso titolo e in qualsiasi modo, alla campagna diffamatoria contro una sana ed importante impresa del territorio.
La Ecolav assicura di essere in regola con la normativa regionale, nazionale e comunitaria in materia di trattamento di rifiuti, di non gestire un inceneritore, ma un impianto di trattamento rifiuti.

È munita di tutte le autorizzazioni previste dalla legislazione vigente e, nell’esercizio della sua attività, ha applicato ed applica, come richiesto dalla normativa comunitaria, tutte le migliori e più efficaci tecniche disponibili, sia in precedenza, nella fase di progettazione e costruzione dell’impianto, sia oggi, nell’esercizio e manutenzione del medesimo, allo scopo di garantire continuamente un elevato livello di protezione dell’ambiente.

La Ecolav svolge un’attività d’impresa utile, necessaria, indispensabile ed equiparabile ad un servizio di interesse pubblico, sebbene svolto in forma privata, essendo sufficiente considerare che i rifiuti non sterilizzati conserverebbero la carica batterica inquinante e pericolosa, che, invece, la sterilizzazione provvede a distruggere.

L’Ecolav, nel rispetto della normativa ambientale in vigore, è sottoposta, infine, a un rigoroso piano di monitoraggio e controllo, approvato dalla Regione Puglia. I frequenti e numerosi controlli non hanno mai evidenziato irregolarità o violazioni ambientali e comminato sanzioni.

Recentemente alcuni rilievi, commissionati dal Comune di Cerignola ed effettuati dall’Arpa, hanno anche accertato che nella zona industriale di Cerignola, nonostante la presenza di numerose aziende, non sussiste alcuna criticità ambientale e che l’aria non è inquinata.

Questi dati fanno giustizia delle allarmanti campagne orchestrate nel tempo da vari soggetti ed influenzate certamente da calcoli e strumentalizzazioni politiche di vario genere, che ancora continuano.

La presenza dell’Ecolav e di altre aziende industriali, come dimostrano i rilievi dell’Arpa, non crea alcun problema o pericolo alle diverse aziende alimentari operanti in zona industriale.

La Ecolav e il sig. Luigi Caiaffa, dopo aver a lungo subito e tollerato una falsa, ingiusta e ingiustificata campagna diffamatoria nei loro confronti, con accuse gravi, assurde, deliranti ed infamanti, intendendo tutelare l’immagine dell’azienda, la dignità personale del suo titolare, nonché il lavoro e la professionalità delle maestranze impiegate.

L’azione di tutela giudiziaria, con richiesta di danni, sarà estesa contro chiunque insisterà nel propalare notizie false e diffamatorie anche in relazione a presunti ed inesistenti inquinamenti alimentari.

L’Ecolav, come indirettamente hanno dimostrato i rilievi dell’Arpa,  non inquina e non contamina in alcun modo i pasti preparati per la mensa scolastica e sarà costretta, suo malgrado, a tutelare la propria immagine contro chiunque continuerà ad affermare fatti destituiti di ogni pur minimo fondamento.

  • POLIFEMO

    Sarà pure così, ma io da genitore come faccio ormai da anni, per non saper ne leggere ne scrivere non faccio fare mensa scolastica ai miei figli.
    E’ fatto risaputo che la paglia vicino al fuoco non ci può stare, e certamente i rifiuti che vengono trattati proprio esenti da rischio non sono. La storia ci insegna che il Dio denaro tutto può, anche l’ILVA non inquinava, la Fenice non inquinava , ECOCAPITANATA non inquinava,
    salvo poi scoprire che la verità era altra.
    I rifiuti prima di essere trattati arrivano stipati in camion carichi di tutti i batteri e germi, passando e sostando nei pressi di Ladisa.
    Chi mi assicura che non vengano a contatto con personale che li lavora e successivamente trasporto nell’edificio adibito alla preparazione degli alimenti??
    Sarò almeno libero di pensarla a modo mio??

    • la verità

      Se così fosse, la Zona Industriale dovrebbe essere evacuata!! Stia zitto almeno!!

    • Ospite

      Era ora che si dicesse la verità dopo aver ascoltato tante bugie con l’unico scopo di accaparrarsi di voti, popolarità discretandò la zona industriale l’avevano fatta diventare l’inferno incuranti dei procurati allarmi nella popolazione che scettica gli dava ascolto, ma questo carosello di bugie speriamo sia finito e chi ha danneggiato immagini di aziende e della ns zona industriale paghi se ha sbagliato, ma questo a questo punto sarà la magistratura a decidere.

    • Lello

      Hai ragione Polifemo non curare a ‘la verità ‘ l’immondizia dovrebbe stare molto lontano da Cerignola perché tra poco diventeremo come Taranto la zona industriale la notte si sente puzza di immondizia e poi non parliamo di GIUSTO IL PADRONE DELL IPOSEA QUANTE NE COMBINA…..

      • Ospite

        E che cosa? Perché non dici, di cosa ai paura? Ai cominciato, finisci.

  • Rocco56

    E si certo dopo che Bevilacqua ha fatto tanto per la cittadinanza di Cerinola questi sono i risultati? Evitate di mettere certe notizie … Perché Bevilacqua, secondo me e credo anche secondo tanti, abbia pienamente ragione.

    • Ospite

      A certo proprio tanto , ma tanto.
      Siamo diventati famosi , siamo diventati la barzelletta di tutti.
      Ma falla finita che lo scherzo e bello quando dura poci

  • umile

    lasciate stare Bevilacqua che è l’unico che ha cuore ….

  • fabio

    la zona industriale e stata creata per attività e non come e accaduto si sono fatti palazzi e ville.con le concessioni di chi?????

  • Bevilacquino

    RIBBELLIONE CONTINUA, AVANTI, SEMPRE AVANTI!!!!!

  • Grilletto

    Movimento 5 Stelle: Francesco Grieco se ci siete battete un colpo!

    • damiano totaro

      …………….seeeeeeeeeeeee………..e chi t lo dall !!!!!!!

  • Pino il Professore

    ……………………..la verità non muore mai!!!!!! Potete accusare, condannare, anche ammazzare, ma non potete cancellare la VERITA’ !!!! GERARDO NON MORIRAI INVANO………..