Non poco chiacchiericcio aveva prodotto la delega a “caccia e pesca” affidata dal Sindaco Franco Metta al consigliere Antonio Bonavita. Un atto di fiducia, che a leggere il post odierno del consigliere, non era stato concordato in questi termini.

«Con il gruppo consigliare La Cicogna – scrive Bonavita – si era discusso delle mie specifiche qualifiche inerenti al settore SICUREZZA URBANA; perplessità sull’impiego degli operatori, sulla tolleranza minima delle sanzioni amministrative e quant’altro. Discussione profusa anche su la collocazione di un agenzia ittico faunistico venatoria ambientale e tutela del patrimonio (ufficio esistente sin dagli anni 90 soppresso anni or sono). Tale agenzia avrebbe avuto delle specifiche competenze riguardanti sia il settore venatorio, ittico, agricolo e ambientale».

Il rovescio della medaglia di «non ho mai chiesto nessuna DELEGA» pare essere “volevo un’agenzia”. «Le sterili polemiche ed il sarcasmo utilizzato difronte ad un tema così delicato e sentito, quale AMBIENTE E SICUREZZA non fanno altro che danneggiare ulteriormente la nostra Città. Sono dispiaciuto del fraintendimento – chiosa il consigliere – ma non è mia intenzione accettare tale delega».

Un post che – a sentire i ben informati – sta già tenendo caldi gli smartphone, in vista dell’approvazione del bilancio, provvedimento sul quale si saggerà la competenza del consiglieri di Metta.

  • concetta

    Sarebb… l’ufficio dello sceriffo?

  • onesto

    MA DOVE L’HANNO TROVATO ?

    • Ospite

      Nel dash

    • Rubino Michele

      A casa tua.

      • onesto

        non ho servitù a casa mia

        • Rubino Michele

          Questo é certo, non avendo denaro a suffcienza per vivere, figuriamoci la servitù.

  • Cico

    Ta f sat la sicurezza non te la da e del grande Delvino . Fat capac cume i C ……

  • Ve zapp

    Camen ve fadegh

  • proletario vero

    Fa impressione constatare come la “politica” cerignolana é piena di mezze calzette, personaggi da sceneggiata napoletana, comiche e film horror! Possibile che le brave persone non si interessino mai alla politica? Ormai siamo al di là della frutta……………….

    • Matteo

      La brava persona non trovano spazio negli apparati di partito. Prova a pensare come possa una brava persona candidarsi a ruolo di sindaco nelle liste della destra o sinistra . Devi essere un appartenente ben avvezzo alle logiche di partito e senza iniziativa autonoma.

      • Ninillo Fratepietro

        ESATTO!!!!! UN LESTOFANTE, UN TRUFFATORE ABITUALE SA COME FARE, MA NOI NO, NON SAPPIAMO FAR NULLA.

  • Meritiamodi+

    Ma dai …. prima Pezzano R. ora Bonavita A. !! ma avete mai indagato sul loro passato da amebe mononeuronali ???
    Mi sa allora che non sono i soli ad avere un’ ameba al posto del neurone.
    Cerignola e i cerignolani meritano di più.

  • CICLAFUCC

    Quanta Paraguay ca stan a pirs o MASSON….po ste na bona part d faccindr k fcc i.fattacc su e mangn bun fra stipnd senza sude….taralloz cucol verdr scarciofl e non potn manch…i “Bisott”.CERUGNL STAMC A TINT CA CHESS AN CAPT CA SOP A LA PELLA NOSTR SAN A FE U CORIO….MUVMC A CACCIAL DA SOP O COMUN CA LA MUGHJ GH A SEEEEEE.

  • Cerignolanodoc

    Invece sono contento a leggere questo articolo, mi crea soddisfazione che persone come Bonavita si dimostrano esseri pensanti, e non pecore.

    • Onesto

      Se i pensanti si fanno da Bonavita allora siamo alla frutta . Una persona arrivista che sta prima dentro poi fuori poi rientra nel gruppo poi pretende altrimenti se ne esce . Na di che parli a B Vut.

      • pinuccio

        vero, verissimo!!!!!! L’hai detta giusta!!!!! Via i mercanti dal tempio!!!!!