More

    HomeNotizieAttualitàCaso Schepp: Irina consegna l'auto del marito alla Misericordie Cerignola

    Caso Schepp: Irina consegna l’auto del marito alla Misericordie Cerignola

    Pubblicato il

    Ricorderete sicuramente il caso Schepp, l’uomo suicidatosi a Cerignola, nei pressi della Stazione ferroviaria, il 3 febbraio 2011. Oggi giunge una notizia che fa ritornare la mente a quei tragici momenti, e alle settimane successive, con tutte le forze dell’ordine e associazioni di volontariato impegnate nelle ricerche costanti delle due gemelline e di indizi utili a ricostruire la dinamica dell’accaduto. Le indagini alla fine si chiusero qui a Cerignola, con la dichiarazione del responsabile della Protezione Civile, e degli esperti Cinofili intervenuti, i quali assicurarono, per quanto rilevato, che le due gemelline non erano mai arrivate nel centro ofantino.

    Molte furono le emittenti nazionali che si interessarono al caso, che vide protagonisti anche le forze svizzere, paese di residenza e punto di partenza dell’uomo. Stasera, la trasmissione televisiva “Quarto Grado”, in onda su Rete 4, torna in città, con la diretta dal Commissariato di Cerignola, per una cerimonia molto particolare. Infatti, Irina, moglie di Schepp e madre delle gemelline, consegnerà l’auto del marito, un’audi, ai volontari della Misericordie/Protezione Civile Cerignola, per l’impegno profuso nelle ricerche di due anni fa. Un gesto simbolico, che vedrà presenti tra gli altri Alfredo Fabbrocini, Capo della Squadra Mobile di Foggia, che in quelle settimane era costantemente sul campo alla ricerca di indizi utili, la neo Commissario Loreta Colasuonno, Dirigente degli uffici di Cerignola, e Giuseppe Ferrareis, Presidente dell’Associazione Misericordie/Protezione Civile di Cerignola.

    19 COMMENTS

    1. Non per essere polemico, ma vorrei precisare che il gruppo di Protezione Civile che intervenne con il gruppo cinofilo fù quello della Protezione Civile città di Cerignola, assieme ad alrti cinofili intervenuti in un secondo momento, e non quello della Misericordie, che ha dato sicuramente il suo contributo, ma non come descritto sopra… se poi sono così convinti di prendersi sto merito e sta donazione…mbè faccino pure…..si fà di tutto pur di apparire…

    2. Caro amico sappi che nulla ad offendere ma le convinzioni sono personali e in questa tragica vicenda nessuno vuole meriti o apparire