Riprende l’accesso al Comune da lunedì. Ecco tutti i dettagli

0
279

Pubblicata l’Ordinanza n. 20/C.S. del 15 maggio (clicca qui per leggere) avente ad oggetto la «Rimodulazione apertura e orari degli uffici comunali». Un documento nel quale si regolano gli accessi a Palazzo di Città a partire dalla prossima settimana, ovvimente con tutta la prudenza del caso. Di seguito l’estratto del documento:

«ordina a decorrere dal giorno 18 maggio 2020 e fino a nuova disposizione, che:
A) l’accesso all’interno del Comune, sia per i dipendenti che per l’utenza, dovrà avvenire unicamente dall’ingresso principale con misurazione manuale/automatica della temperatura corporea. Non sarà permesso l’accesso a chiunque risulti con temperatura corporea superiore a 37,5°. Per l’utenza, inoltre, l’accesso sarà possibile solo con uso della mascherina.
B) come previsto dall’art. 87 del decreto-legge 17 marzo 2020, n.18 l’ordinaria prestazione lavorativa, all’interno del Comune di Cerignola, debba svolgersi principalmente in modalità agile.
C) le attività comunali ordinarie saranno garantite principalmente da remoto, come indicato dalle norme, con contatti telefonici o invio di posta elettronica ai numeri e agli indirizzi di cui all’allegato 1).
D) per le attività indifferibili, come sopra individuate, l’attivazione di un programma differenziato di lavoro in presenza che garantisca sia la salute dei lavoratori che l’esigenza dei cittadini e degli operatori economici. In particolare, i dirigenti dei Settori interessati, dovranno garantire, per i seguenti servizi, un programma a rotazione:
– di presenza continuativa in Comune per
Attività del Settore Sicurezza (Polizia locale, protezione civile e sistemi informativi)
Attività del protocollo comunale;
Attività del SUAP
Attività Servizi dell’Anagrafe
– di presenza non continuativa in Comune per:
Attività di tutti gli altri Settori (2-6)
Le attività indifferibili in gestione a privati saranno garantite in presenza secondo i contratti in essere o successivi accordi.
E) in esecuzione delle sopra riportate disposizioni, i dirigenti devono provvedere:
– A organizzare l’ordinaria attività di lavoro per tutti i propri dipendenti con definizione di programmi, a rotazione, di lavoro in smart working o in presenza, garantendo una distribuzione omogenea nei cinque giorni lavorativi al fine di ridurre al minimo la presenza simultanea di più operatori nello stesso ambiente di lavoro;
– Alla rimodulazione degli ambienti di lavoro con spostamenti delle postazioni di lavoro, al fine di garantire il distanziamento massimo tra i presenti;
– A vigilare sul corretto rispetto da parte di tutti i propri dipendenti delle misure di protezione individuale, ed in particolare all’uso della mascherina e al distanziamento di almeno un metro nei casi di confronti con colleghi;
– A segnalare all’Ufficio Economato eventuali necessità di DPI o di prodotti igienizzanti per il proprio settore;
– A organizzare le modalità di contatto con i cittadini da remoto, garantendo l’efficienza dei contatti telefonici o via mail e con particolare attenzione ad assicurare il buon funzionamento del presidio telefonico del numero indicato;
– A organizzare, in sicurezza, l’eventuale apertura al pubblico dei propri uffici, assicurando la presenza dei dispositivi di protezione previsti e le misure di distanziamento sociale;
– A comunicare tempestivamente (entro il giorno prima) al servizio d’ingresso l’elenco dell’utenza prenotata per l’accesso.
F) a partire dal giorno 18.5.2020 sarà garantita, altresì, una parziale apertura al pubblico dei servizi così come indicati e con le modalità previste nell’allegato 2).
L’accesso del pubblico sarà garantito, tuttavia, solo alle seguenti condizioni comuni per qualunque servizio:
– l’ingresso dell’utenza dovrà seguire obbligatoriamente le disposizioni del punto A). In caso di temperatura superiore a 37,5° l’utente sarà invitato ad allontanarsi immediatamente dai locali comunali;
– l’accesso sarà permesso solo previo appuntamento fissato con l’ufficio competente e riscontro da comunicare all’ingresso;
– con obbligo di mascherina e mantenendo il distanziamento di almeno un metro da altre persone presenti;
– con divieto assoluto di accesso ad altri uffici senza prenotazione;
– con divieto di vagare o sostare nelle aree comuni dello stabile senza motivo o intrattenendosi con altri;
– con l’accortezza di limitare al minimo la propria presenza negli uffici per evitare al minimo intralci tra entrate ed uscite, ma anche per permettere un maggior numero di prenotazioni di cittadini.
G) Il Datore di lavoro, Ing. Michele Chiumento, dovrà vigilare sull’applicazione delle misure prescritte nel documento di valutazione dei rischi e che vengano assicurati i necessari dispositivi per l’esecuzione delle prescritte misure di sicurezza. Lo stesso datore di lavoro dovrà accertarsi che, in caso di accertata positività al coronavirus di un dipendente comunale, lo stesso si attenga a quanto previsto nel “Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” sottoscritto il 14 marzo 2020 e modificato il 24 aprile 2020 come richiamati nel il Documento di valutazione del rischio datato 3 maggio 2020.
H) Il Dirigente del Settore Finanziario dovrà garantire, anche con l’ausilio del proprio economato, alla fornitura e alla distribuzione dei necessari DPI ai vari settori secondo le esigenze rappresentate.
La presente ordinanza sostituisce tutte le precedenti in materia di regolamentazione degli orari e di apertura al pubblico degli uffici comunali.