Sportweb
pub_728_90
Pubblicità

VIDEO | Tutti i dettagli dell’operazione “Cerignola Enterprise”

Gli Agenti della Squadra Mobile della Polizia di Stato di Foggia e del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cerignola nella nottata appena trascorsa hanno eseguito una misura cautelare nei confronti di 13 soggetti, di cui 8 custodie in carcere e 5 arresti domiciliari, personaggi orbitanti nell’area criminale cerignolana.

Le indagini nate come costola di quelle relative al tentato omicidio di DIGIROLAMO Leonardo dello scorso 6 aprile 2018 e per le quali, sempre la Squadra Mobile di Foggia aveva eseguito una misura cautelare prevedente la custodia in carcere a carico di L.T., hanno permesso di inquadrare un allarmante spaccato criminale gravitante nell’area cerignolana e afferente a tre principali settori delinquenziali: il traffico di stupefacenti, il furto ad opera di un’associazione per delinquere di ingenti quantitativi di derrate alimentari nel nord-Italia, il furto e la ricettazione di autovetture finalizzato ad estorcere alle vittime un corrispettivo per la restituzione, secondo il noto schema del c.d. “cavallo di ritorno”.

In particolare, nel corso dell’indagine sul tentato omicidio citato era emersa la figura di G.T., parente di quello che verrà ritenuto gravemente indiziato del tentato omicidio, quale collante fra più settori criminali. Attraverso quest’ultimo, infatti, si sono potuti individuare i fili di una fitta rete che ha condotto, anzitutto, all’accertamento di una intensa attività di spaccio effettuata in un box in via Policoro a Cerignola. I successivi approfondimenti investigativi effettuati sui soggetti frequentatori del box di via Policoro hanno permesso di raccogliere gravi indizi di colpevolezza circa l’attività di spaccio a carico di C.M., C. G., C. G. (classe 95), D.G., P. C. e P D..

Sempre G.T ha permesso di arrivare alla figura di C.F., figlio di C.A., coinvolto nella nota operazione “Cartagine” della fine anni ’90, e di individuare una batteria composta dallo stesso insieme C. M. e D. A. dedita al furto di autovetture da poi restituire alle vittime attraverso l’estorsione di una somma di denaro. Attraverso l’attività di investigazione è stato possibile, dapprima, individuare le autovetture sottratte per poi procedere all’audizione delle vittime – che in nessun caso avevano denunciato l’estorsione, limitandosi alla sola sottrazione dell’auto- e ricostruire lo schema del “cavallo di ritorno” .

Tale batteria si è distinta per la pervicacia criminale, manifestata non solo attraverso l’avvicinamento diretto delle vittime per la richiesta estorsiva, ma anche in quanto, pur di ottenere quanto desiderato, gli autori sono riusciti a rubare la stessa autovettura per due volte nella stessa giornata. Lo stesso G.T., infine, è stato individuato come il capo e l’organizzatore di un’associazione a delinquere finalizzata ai furti di derrate alimentari e composto anche da D. D., D.N. e M. D..

Al riguardo è stato possibile ricostruire anche i singoli reati, due consumati ed uno tentato, tutti avvenuti presso una ditta di Formigliana (VC), per un danno di circa 500.000 euro di principalmente prodotti ittici. Anche questo filone è stato sviluppato partendo da G.T. per poi arrivare ai suoi sodali. E’ stato, quindi, possibile collocare i soggetti sul luogo di consumazione dei reati ed anche in occasioni precedenti in occasione dei sopralluoghi.

Inoltre, sono state acquisite le immagini di videosorveglianza non solo presso la ditta derubata ma anche lungo le stazioni di servizio posizionate tra Vercelli e Cerignola. L’accurata visione dei fotogrammi ha permesso di ottenere il match necessario all’identificazione degli autori.

Le indagini poste in essere dalla Squadra Mobile e dal Commissariato di PS di Cerignola hanno, in conclusione, ricostruito una vera e propria associazione criminale finalizzata ai furti. Sono state, infatti, individuate le durature frequentazioni tra i componenti, la loro base logistica, nonché l’indeterminatezza del loro programma criminoso che non voleva certo limitarsi ai furti citati, ma progettava altri “colpi” tra cui uno legato all’ottone. Un’operazione traversale che va a colpire il core business della criminalità cerignolana e che ha permesso di disarticolare una pericolosa organizzazione criminale, la quale si sarebbe sicuramente attivata per reagire alla crisi economica conseguente al “lockdown”. Uno dei 13 destinatari del provvedimento restrittivo è attivamente ricercato.

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
Cala la pasta

Ultim'ora

Cinque anni fa si votava per il Sindaco. Alla fine vinsero Metta… e le infiltrazioni mafiose

Cinque anni fa, il 31 maggio 2015, Cerignola era chiamata a scegliere il suo nuovo Sindaco. Ebbe luogo il...

Covid e ristorazione, Didonna: «Non abbiamo subito riaperto, ci siamo reinventati»

Sofferenza conclamata quella del comparto ristorazione, che nonostante la riapertura vede e vedrà ridursi sensibilmente gli introiti a fronte di costi pressoché invariati. «Gran...

Oggi 31 maggio in Puglia quattro casi di Covid-19, due in Capitanata

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi domenica...

Domanda di cura inevasa per mesi, ma il Pd plaude all’operato di Piazzolla

«La ripresa graduale delle attività ambulatoriali e ospedaliere del P. O. Giuseppe Tatarella di Cerignola dimostra che, per risolvere le criticità, non serve urlare,...

Revoca Palazzo Fornari, parla l’associazione Fosse Granarie

Non tarda ad arrivare la replica dell'Associazione Fosse Granaria dopo revoca la concessione dell'uso gratuito di Palazzo Fornari. Nello specifico l'azienda precisa: «la nostra...

SOSTIENI LANOTIZIAWEB.IT

LANOTIZIAWEB.IT è il tuo quotidiano, quello che leggi gratis da dieci anni. I giornalisti della Redazione in questo particolare periodo (#emergenzaCoronavirus) stanno lavorando giorno e notte per offrire un’informazione precisa, puntuale ed affidabile. Per supportarci oggi ti chiediamo (se puoi e vuoi) un piccolo contributo. Non è un abbonamento o una sponsorizzazione: sarà una semplice donazione. Grazie!

Dona Adesso

i più letti

Video dell’incidente in viale di Ponente

Dopo la cronaca dell'incidente avvenuto lo scorso 24 maggio e il racconto (con scuse) del protagonista, ecco le immagini dell'impatto...

Covid e ristorazione, Didonna: «Non abbiamo subito riaperto, ci siamo reinventati»

Sofferenza conclamata quella del comparto ristorazione, che nonostante la riapertura vede e vedrà ridursi sensibilmente gli introiti a fronte...

Cinque anni fa si votava per il Sindaco. Alla fine vinsero Metta… e le infiltrazioni mafiose

Cinque anni fa, il 31 maggio 2015, Cerignola era chiamata a scegliere il suo nuovo Sindaco. Ebbe luogo il...