giovedì, 20 Febbraio - 21:54
Sportweb
pub_728_90

Traffico di rifiuti, la Dia confisca beni per 6 milioni al pluripregiudicato Ciaffa

La misura dopo la sentenza della Cassazione. Per ora già 8 condannati, pende giudizio per altri imputati e 4 aziende. In passato sequestrati beni per altri 20 milioni

i più letti

Tragedia in zona Convento. Si lancia nel vuoto e muore

E' accaduto in pieno centro, in zona Convento, nella mattinata di oggi. Una donna si è lanciata nel vuoto...

Vessazioni e minacce alla madre per acquistare droga, i carabinieri arrestano 34enne di Cerignola

I carabinieri di Cerignola hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Gip del Tribunale...

Sequestrata dalla Polizia autodemolizione con numerosissimi componenti di mezzi pesanti rubati

Scoperta centrale di riciclaggio di automezzi pesanti a Cerignola. La Polizia di Stato controlla una ditta di autodemolizioni e...

Confisca di bene e disponibilità finanziarie per un valore di circa 6 milioni di euro nei confronti di un pluripregiudicato foggiano, Gerio Ciaffa, già coinvolto (e condannato invia definitiva) nell’ambito dell’operazione «Black Land», relativa a un traffico di 300mila tonnellate di rifiuti provenienti dalla Campania e sversati nel Foggiano, nord Barese, Basilicata e Beneventano. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Foggia-Seconda Sezione Penale Ufficio Misure di Prevenzione, su proposta della Procura della Repubblica di Bari, a seguito di complesse investigazioni patrimoniali svolte dalla Dia. Nell’ambito dell’inchiesta penale sul traffico di rifiuti nei territori di Orta Nova e Ordona erano già stati sottoposti a sequestro preventivo per equivalente beni del valore di oltre 20 milioni di euro.

IL DETTAGLIO DELLA CONFISCA La confisca ha riguardato, nello specifico:

  • la “Edil C. s.r.l.”, con sede in Ordona (FG), c.da Cavallerizza snc, esercente l’attività di trattamento e smaltimento rifiuti;
  • la “P.L. trasporti s.r.l.”, con sede in Ordona (FG), c.da Cacciaguerra snc, esercente l’attività di trasporto merci su strada;
  • la “Ciaffa Bioagri società semplice agricola”, con sede in Ordona (FG), proprietaria di enormi appezzamenti di terreno coltivati principalmente ad ortaggi e cereali;
  • 79 appezzamenti di terreno ubicati in Ordona (FG), Orta Nova (FG) e Cerignola (FG), per un totale di circa 179 ettari, di proprietà della “Ciaffa Bioagri società semplice agricola”;
  • 3 fabbricati rurali della “Ciaffa Bioagri società semplice agricola”, ubicati nell’agro di Ordona (FG);
  • 2 immobili in Castelluccio dei Sauri (FG);
  • 61 mezzi, la maggior parte dei quali escavatori, pale meccaniche, mezzi agricoli e camion;
  • disponibilità finanziarie, consistenti in conti correnti, libretti di deposito e polizze assicurative.

LA SENTENZA DELLA CASSAZIONE La confisca è la conseguenza della sentenza della terza sezione pena della Corte di cassazione del novembre scorso che ha reso definitive le condanne per 5 dei 14 imputati nella maxi inchiesta. I giudici romani hanno così cristallizzato le condanne a 3 anni, 9 mesi e 10 giorni di Gerio Ciaffa, 45 anni, foggiano residente a Ordona, amministratore di fatto di «Edil c» e PI» trasporti; e quelle a due anni di reclusione di Giuseppe Gammarota, 37 anni, foggiano residente a Carapelle, dipendente della coop «Spazio verde plus»; Francesco Pelullo, 42 anni, Cerignola, proprietario di un terreno; Donato Petronzi , 41 anni, San Paolo di Civitate, titolare dell’omonima ditta di trasporti; e Giuseppe Zenga, 31 anni, di Carapelle, camionista.

La suprema corte ha reso definitiva anche l’assoluzione di Michele Brandonisio, 34 anni, di Cerignola, amministratore della «Ecoball Bat»: il gup in primo grado gli inflisse 2 anni e 6 mesi, i giudici della corte d’appello di Bari ribaltarono il verdetto e lo assolsero per non aver commesso il fatto: contro quell’assoluzione la Procura generale aveva presentato ricorso in Cassazione, dichiarato inammissibile come quello dei difensori dei 5 condannati.

Il processo ai 18 imputati – tra cui 4 aziende – si divise nell’autunno 2014. Per 3 imputati (un foggiano e due campani) e le 4 aziende è in corso dall’ottobre 2014 il processo ordinario davanti al giudice monocratico di Foggia in cui si stanno ascoltando i testi a discarico. Mentre gli altri 11 imputati optarono per il giudizio abbreviato davanti al gup di Bari. In primo grado, sentenza del il 17 dicembre 2014, il gup assolse un imputato e condannò gli altri 10 a quasi 23 anni di reclusione. Contro quel verdetto ci fu l’appello dei 10 condannati. Il 18 maggio del 2016 la prima sezione della corte d’appello di Bari assolse 2 imputati e condannò gli altri 8 a complessivi 17 anni, 9 mesi e 10 giorni di reclusione: 5 degli 8 condannati (per gli altri 3 le condanne a due anni da tempo sono diventate definitive) presentarono ricorso in Cassazione che stato dichiarato inammissibile. Al momento, dunque, sono 8 le condanne definitive, 3 assoluzioni, mentre per altri 3 imputati e 4 aziende pende ancora il processo di primo grado.

tratto da
La Gazzetta del Mezzogiorno

il_segno
Oropoint_300_250
Ultimi Spazi
OSS_300_250
Cala la pasta

Ultim'ora

Intimidazione a dirigente comunale, la ferma condanna della Chiesa di Cerignola

In una nota congiunta, Mons. Luigi Renna (Vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano) e don Pasquale Cotugno (Vicario Foraneo di Cerignola)...

Cerignola, nelle campagne i carabinieri rinvengono armi, munizioni e droga

Un’altra robusta attività di controlli e rastrellamenti ha consentito ai carabinieri di Cerignola di rinvenire e sequestrare armi, munizioni, stupefacenti e vario materiale tipicamente...

Proiettile dietro la porta. Nel mirino un dirigente comunale

Un proiettile in Comune, posizionato dietro la porta di uno dei dirigenti. Si tratta di Michele Prencipe, dirigente ai Lavori Pubblici. Sarebbe infatti stato...

Sanità, Dattoli e Piazzolla indagati per gli appalti ai Riuniti

L’ipotesi è che quattro appalti milionari della sanità siano stati truccati per favorire due professionisti e altrettante imprese. Il sospetto è che questo sia...

Caporalato, Coldiretti Puglia: si paga più la bottiglia del pomodoro in essa contenuto

Quando si acquista una passata al supermercato costa più la bottiglia che il pomodoro contenuto. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti diffusa...